• 18 Aprile 2021
  • No Comment

L’appello a Draghi dei gestori delle palestre: “Riaprire prima o 10mila chiuderanno”

L’appello a Draghi dei gestori delle palestre: “Riaprire prima o 10mila chiuderanno”

Giampaolo Duregon, presidente di Anif, associazione nazionale impianti sportivi, chiede di anticipare il via libera all’inizio di maggio: “Ripartire a giugno significa in realtà settembre prossimo, perdendo altri mesi. Dimezziamo il numero di frequentatori ma fateci lavorare”.
“Far riaprire le palestre il 1 giugno significa distruggere un intero settore. Qualche numero? Dieci miliardi e mezzo già bruciati, un milione di addetti senza lavoro e 10 mila palestre a rischio chiusura”. Giampaolo Duregon, presidente di Anif, associazione nazionale impianti sportivi, ha scritto una lettera aperta alla Presidenza del consiglio e al sottosegretario allo sport Valentina Vezzali per chiedere di anticipare alla prima decade di maggio la riapertura di piscine e palestre, chiuse per decreto dallo scorso mese di ottobre. “Lotteremo per aprire prima”, annuncia.
Presidente Duregon, perché è così importante aprire prima?
“Abbiamo avuto 10 mesi di chiusura e 5 di semi-apertura, una perdita enorme per i nostri 100 mila centri sportivi: un colpo mortale per molti”.
Cosa cambierebbe per le palestre aprire a maggio invece che a giugno?
“Per le palestre e le piscine coperte la stagione va da settembre a maggio. Riaprire a giugno, significa riprendere materialmente a settembre prossimo, perdendo quindi altri mesi. Noi diciamo: dimezziamo il numero di frequentatori ma fateci riaprire”.
Non pensa ci sia un altro rischio di contagio nelle vostre strutture?
“Direi di no. A queste condizioni le possibilità di trasmissione del virus sono bassissime”.
Di quali condizioni parla?
“Misurazione della temperatura all’ingresso, mascherina nei camminamenti interni, distanza superiore di 2 metri tra i clienti, specchio d’acqua per una persona di 7 metri quadrati in piscina e negli spogliatoi una persona ogni 5 metri quadrati”.
Pensa che tutto questo sia sufficiente?
“I frequentatori dei centri sportivi generalmente hanno uno stile di vita sano, si proteggono. Abbiamo fatto un’indagine su 2 mila strutture in tutta Italia e i risultati sono assolutamente incoraggianti: è risultato positivo un atleta ogni mille. Inoltre non si possono continuare a tenere fermi adulti e anziani che con l’esercizio fisico fanno prevenzione e si tengono in salute”.
Ma le palestre si sono adeguate dal punto di vista del rispetto delle norme anti Covid?
“Abbiamo aderito al contingentamento, abbiamo adottato tutte le precauzioni, abbiamo adeguato i luoghi e dopo aver investito così tanto ci hanno chiuso senza possibilità di appello”.
In una situazione del genere sono più penalizzate le piccole realtà o le grandi catene?
“La situazione è pessima per tutti. I problemi sono di scala diversa ma sono identici. Un impianto di 3-400 metri quadrati, con il contingentamento, può ospitare un numero di persone minimo. Più è grande l’impianto, più è avvantaggiato”.
Gli allenamenti da remoto non ce la fanno a supplire a questa crisi?
“Non incidono minimamente nel flusso economico. È servizio un per i frequentatori, per tenerli fidelizzati, ma non si monetizza.  Quando torneremo alla normalità sarà un servizio in più ma non è sostitutivo. Lo spazio fisico è centrale”.
Il permesso assegnato agli agonisti incide in qualche modo nei conti economici dei centri?
“Parliamo del 3-4 per cento degli sportivi. Qualcuno può farlo ma sono più le spese che gli incassi. In una piscina con 2 mila iscritti gli agonisti sono una settantina e l’acqua va riscaldata per 70 persone?”.
Davvero ci sono 10 mila palestre a rischio chiusura?
“Molti dipendenti sono in cassa integrazione, gli istruttori hanno avuto i sussidi fino al 31 marzo scorso. Qui c’è gente che non lavorerà più, un intero movimento sportivo  si è fermato. Per questo chiediamo di ripartire a maggio, non a giugno”.
Fonte: La Repubblica.it

Articoli correlati

Covid, la Corte costituzionale “salva” l’obbligo vaccinale del personale sanitario

Covid, la Corte costituzionale “salva” l’obbligo vaccinale del personale sanitario

La Corte costituzionale ha ritenuto inammissibile, per ragioni processuali, la questione relativa all’impossibilità, per gli esercenti…
Il Regno Unito è alle prese con un’epidemia di influenza aviaria senza precedenti (che sta minacciando anche le pulcinelle di mare e altre specie vulnerabili)

Il Regno Unito è alle prese con un’epidemia di influenza aviaria senza precedenti (che sta minacciando…

In Gran Bretagna i casi di contagio di influenza aviaria fra polli, tacchini e altri animali…
La botta di genio del Pd per darsi una riverniciata: “Chiamiamoci Partito Democratico del Lavoro”

La botta di genio del Pd per darsi una riverniciata: “Chiamiamoci Partito Democratico del Lavoro”

Un tempo si definiva Partito dei lavoratori e ora, dopo averli vessati con provvedimenti vergognosamente iniqui,…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.