• 4 Aprile 2022
  • No Comment
  • 109

Tre “Generazioni” a Gradoli

Tre “Generazioni” a Gradoli

Al Teatro comunale di Gradoli, continua la rassegna primaverile del Teatro Null. Sabato 9  aprile alle 21,15, va in scena “Generazioni” di e con Alessandra Cappuccini, regia di Umberto Carosi. Lo spettacolo racconta la vita di tre donne: nonna, madre e figlia. Sono tre epoche messe a confronto, ognuna con una propria morale, con quelle regole non scritte a cui queste donne si ribellano. Sono storie di coraggio che raccontano la forza dell’individualità. Tre donne, tre storie diverse e sparse nel tempo (durante la Seconda Guerra Mondiale, i moti degli anni ’70 e i giorni nostri) eppure unite da due fattori: ricordi e parentela. Una nonna e una madre vengono raccontate da una ragazza dei giorni nostri. Tre donne distanti, eppure legate dalla forza di volontà, inserite in mondi dove la speranza è sempre ad un passo e i sognatori riescono ad anticipare gli inventori.
Le tre donne sono caratterizzate bene da Alessandra Cappuccini, che si destreggia in un mix di battute, ricordi e cambi di personaggi. L’attrice ci mostra tre personalità ‘contro-corrente’ per i loro periodi: la nonna ha una figlia senza sposarsi, la madre è all’interno delle grandi proteste anni ‘70 e la protagonista, in un mondo di raccomandazioni e favori sessuali, cerca di seguire il suo sogno di fare l’attrice, il tutto condito da pungente ironia.

L’attrice-autrice ha dichiarato di aver mischiato ricordi della propria famiglia e di altre. “La storia della nonna che racconto” – ci dice Alessandra Cappuccini –  “E’ praticamente vera. Rimase incinta senza sposarsi e poi andò a vivere con mia madre in una stazione. Mentre la storia di mia madre è stata un po’ influenzata dal racconto di una donna che ho conosciuto e che, al contrario di mia madre (che a quei tempi era troppo giovane), ha vissuto davvero le grandi manifestazioni”. Il regista ha caratterizzato i personaggi come delle maschere. Queste, infatti, insieme alla musica e al canto accompagnato dalla chitarra, rappresentano molti degli elementi di quel teatro popolare che il regista Carosi segue.
Alessandra Cappuccini ha iniziato nel 1999 la sua carriera di attrice. Nel 2005 si è diplomata con 110 e lode in Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha lavorato sia in Italia che all’estero per diversi registi, tra cui Missiroli.  E’ inoltre stata pittrice di scena per la serie TV “Carabinieri 7”.  Si è poi trasferita a Dublino dove ha conseguito il diploma in recitazione presso il “Liberties college”. Si è poi specializzata in “commedia dell’arte” presso l’ “Accademia Internazionale della Commedia dell’Arte” del Piccolo Teatro di Milano diretta da Ferruccio Soleri.
Ingresso intero € 10,00, ridotto € 7,00. Posti limitati, è gradita la prenotazione. Info 3471103270 www.tusciafactory.it
 

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.