Torna la sabbia del Sahara: i motivi di questo fenomeno (e quali sono i rischi per la salute)

La sabbia del Sahara torna a far parlare di sé in Italia con una nuova ondata che sta attraversando il Mediterraneo, spinta dall’anticiclone africano. Questo fenomeno naturale, che si è già manifestato diverse volte quest’anno, sta provocando cieli gialli e automobili coperte da polvere rossa. Il picco di questa ondata lo si è avuto tra...

Cieli gialli e auto coperte da polvere rossa: è tornata in Italia la sabbia del Sahara con tutte le conseguenze negative per la nostra salute

©Shutterstock/Ilona Koeleman

La sabbia del Sahara torna a far parlare di sé in Italia con una nuova ondata che sta attraversando il Mediterraneo, spinta dall’anticiclone africano. Questo fenomeno naturale, che si è già manifestato diverse volte quest’anno, sta provocando cieli gialli e automobili coperte da polvere rossa.

Il picco di questa ondata lo si è avuto tra mercoledì e ieri, coinvolgendo gran parte del Paese. Il programma Copernicus, gestito in collaborazione dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e dalla Commissione Europea, ha comunicato attraverso un post su X che valori elevati di profondità ottica dell’aerosol hanno colpito e colpiranno Francia, Italia e parte dell’Europa centrale nei prossimi giorni.

Le immagini satellitari del programma Copernicus mostrano le traiettorie della polvere sahariana, spinta da venti forti verso l’Italia. Secondo le previsioni, il Centro-Nord sarà interessato dal fenomeno fino a oggi, mentre al Sud il picco si verificherà durante il fine settimana. La Società Italiana di Medicina


Leggi tutto: https://www.greenme.it/ambiente/sabbia-sahara-rischi-salute/


LaCittaNews è un motore di ricerca di informazione in formato magazine, aggrega e rende fruibili, tramite le sue tecnologie di ricerca, in maniera  automatica, gli articoli più interessanti presenti in Rete.  LaCittaNews non si avvale di nessuna redazione editoriale.   =>  DISCLAIMER

Buy Me A Coffee

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.