• 9 Giugno 2022
  • No Comment
  • 25

Non solo grano: ecco gli altri prodotti minacciati dalla guerra in Ucraina

Non solo grano: ecco gli altri prodotti minacciati dalla guerra in Ucraina

Con la guerra, abbiamo imparato a capire e perché l’Ucraina è, a tutti gli effetti, il granaio d’Europa. La crisi alimentare, innescata con l’invasione russa, si sta drammaticamente diffondendo in decine di paesi in via di sviluppo, dall’Africa al Medio Oriente. E, tra prodotti finiti in mano ai russi, raccolti minacciati dalle bombe e fabbriche bloccate dal conflitto, la lista dei beni a rischio continua ad allungarsi.

Sotto il controllo di Mosca è finita anche la capitale delle ciliegie Melitopol

Cerali e olio di semi e di girasole  in estrema difficoltà

Il grano, in primis, dicevamo, ma ci sono anche altri cereali, dal mais al sorgo. A subire forti rincari in Occidente è poi per esempio l’olio di semi, soprattutto quello di girasole, di cui il Paese è uno dei principali produttori. Ma la guerra ha inevitabilmente colpito raccolti e industrie in diverse regioni strategiche.

Ferme le ciliegie di Melitopol

Sotto il controllo di Mosca è finita anche la “capitale delle ciliegie”, Melitopol, uno dei primi centri occupati all’inizio dell’invasione. Il blocco della principale zona di produzione ucraina ha causato aumenti fino al 40% dei prezzi della frutta nei mercati da Kiev a Leopoli. Per coprire il deficit, oltre metà delle ciliegie vendute viene ora importata, mentre la distribuzione prosegue dalle aree di Bukovyna, Vinnytsia, Odessa e Zakarpattia. Le conseguenze del conflitto, inoltre, sono destinate a pesare sui raccolti futuri.

Verso una crisi del sale

All’orizzonte c’è anche una possibile “crisi del sale”, dopo che Artemsil, tra i produttori più grandi d’Europa, è stata chiusa ad aprile nella regione di Donetsk a seguito degli scontri.

All'orizzonte c'è anche una possibile crisi del sale Non solo grano: ecco gli altri prodotti minacciati dalla guerra in Ucraina

All’orizzonte c’è anche una possibile crisi del sale

Oltre allo stop alla produzione, risultano danneggiate anche strutture amministrative e miniere della compagnia che la controlla. Per sopperire al blocco, altri produttori stanno cercando di accelerare le attività, come le saline di Drohobych, nell’oblast occidentale di Leopoli, ma di questo passo per l’Ucraina sarà inevitabile un aumento delle importazioni.

Leggi tutto: https://www.italiaatavola.net//tendenze-mercato/agricoltura-cibo/2022/6/7/non-solo-grano-ecco-altri-prodotti-minacciati-dalla-guerra-in-ucraina/87404/

Articoli correlati

Una coperta o un pò di benzina sul fuoco?

Una coperta o un pò di benzina sul fuoco?

Stamattina si parlano. Non sono così ottimista. Immagino che la parte ucraina cercherà di non essere…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.