• 7 Gennaio 2022
  • No Comment

Le cinque bugie di Draghi. Vaccini, contagi, green pass… Quanti errori nella lotta al Covid

Le cinque bugie di Draghi. Vaccini, contagi, green pass… Quanti errori nella lotta al Covid

Troppe balle. Il gioco delle tre carte è in scena a Palazzo Chigi, con un premier che pare aver subito una trasformazione inaspettata. Mario Draghi è davvero cambiato oppure nessuno lo conosceva così come si è manifestato. Dopo aver preso il posto di Giuseppe Conte sembrava l’Uomo della Provvidenza.
E per un po’ è andata così, con la campagna vaccinale a gonfie vele. Poi, il sogno del Quirinale lo ha fatto sbattere contro la verità. Un’ambizione coccolata da troppi politici e giornalisti sembra avergli fatto perdere il senso della realtà. I sorrisini che allietavano per i più le sue conferenze stampa sembrano spariti. I partiti non gli obbediscono più se non al prezzo di estenuanti, sfibranti trattative. Il suo problema è che un grande banchiere è abituato a discutere di moneta e non conosce il fatturato democratico: è composto da voti che si rappresentano.
Gli bastato aver rivendicato la propria condizione di nonno per sentire un pezzo di popolo italiano urlargli che è giunta l’ora che si dedichi ai nipotini. Altrimenti pure lui comincia a fare guai.
L’obbligo vaccinale a metà è l’ultima delle balle che ci sono state propinate nel contrasto alla pandemia. È ovvio che i no vax non possono essere il modello da seguire, perché il Covid va sconfitto. Ma si sono ignorate troppe alternative in maniera incomprensibile, a partire dalle cure domiciliari e tanto altro ancora, si sta riportando tutto in ospedale, non c’è un briciolo di autocritica sugli errori commessi. Gli italiani si sono – ci siamo – vaccinati per circa il 90 per cento della popolazione. Il resto non lo fa per ideologia antivaccinista o per paura, confusione, dubbi alimentati da chi governa. Irridere, sfottere, mortificare chi non ha ancora detto sì è sbagliato, soprattutto da postazioni privilegiate come quelle istituzionali.
Ed è inutile prendersela con i partiti che danno voce alle preoccupazioni dei cittadini, inclusi quanti si sono sottoposti al siero. La pandemia, la corsa al Colle, il probabile tonfo della politica e l’arrivo delle elezioni anticipate, determinano il caos voluto dalla presunzione di chi governa convinto di non sbagliare mai.
Cinque grandi balle stanno facendo precipitare Draghi in un tunnel simile all’agonia del secondo governo di Giuseppe Conte. La luna di miele del premier col popolo italiano pare essere finita da un pezzo.
C’è un’impressionante continuità con Conte, anche allora c’era tanta propaganda che continua pure adesso. Ricordatelo il tempo in cui ci si invitava a dare fiducia, si giurava che con i vaccini saremmo tornati alla normalità.
Prima si diceva che bastava il 70 per cento di vaccinati, e l’80 ci avrebbe catapultato nell’immunità di gregge. E poi ogni giorno percentuali oscillanti sul siero. Ma all’indietro. 95, 80, 65, 35 per cento. E tutti noi stralunati a leggere le cifre.
La seconda grande balla per la quale i volantini erano distribuiti dalle legioni capitanati dai virologi televisivi e canterini era quella sul vaccinato che non poteva contagiarsi né contagiare. Ecco il braccio, dottore, mi punturi. Poi abbiamo scoperto che si può finire anche in terapia intensiva. «Forma lieve».
Terza balla. Mica ci siamo dimenticati che per noi vaccinati finiva la stagione del tampone. «È pandemia di non vaccinati». Veramente pare riguardare anche altri ed è insopportabile davvero.
Puntura 1. Puntura 2. Puntura 3. E vaccino antinfluenzale. Il menu è fermo, ma solo per ora. Arriveranno altre pietanze.
La bugia numero quattro della Draghi’s band ha ruotato attorno al magico Green pass, propagandato in forma mini, maxi e super. Farà partire l’economia: le attività ricominciano a chiudere. Salverà il Natale. Mai lo abbiamo trascorso con tanta tristezza. Nessun rischio contagi. Balla clamorosa.
Infine, al quinto posto, lo stato d’emergenza. Ormai siamo oltre i due anni e già possiamo immaginare che non si fermerà neppure al 31 marzo, visto che per l’obbligo vaccinale Draghi ha proposto un limite a giugno. Poi, speriamo che non sia prevista la fucilazione.
Fonte: Il Tempo.it

Articoli correlati

Baldino (M5s): “Draghi ha chiesto a Grillo di rimuovere Conte? Parole gravi, senza smentita rapporti complessi nel governo”

Baldino (M5s): “Draghi ha chiesto a Grillo di rimuovere Conte? Parole gravi, senza smentita rapporti complessi…

Baldino (M5s): “Draghi ha chiesto a Grillo di rimuovere Conte? Parole gravi, senza smentita rapporti complessi…
Superbonus, il governo Draghi blocca le nuove proroghe: scontro politico nella maggioranza – Il Fatto Quotidiano

Superbonus, il governo Draghi blocca le nuove proroghe: scontro politico nella maggioranza – Il Fatto Quotidiano

Superbonus, il governo Draghi blocca le nuove proroghe: scontro politico nella maggioranza - Il Fatto Quotidianoilfattoquotidiano.it
Crucioli sbotta contro Draghi in Senato  “Lasci quel posto a qualcuno che può difendere gli interessi degli italiani”

Crucioli sbotta contro Draghi in Senato “Lasci quel posto a qualcuno che può difendere gli interessi…

Si è svolta nella mattinata odierna l’informativa del Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi sugli ulteriori sviluppi…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.