• 4 Novembre 2022
  • No Comment

La quarta venuta di Boris

La quarta venuta di Boris

Boris è sempre stata una serie unica nel panorama italiano. Ha dato inizio a una rivoluzione di linguaggio e di intenzioni, e nel corso del tempo è riuscita a imporsi come un punto di riferimento all’interno della comunità degli addetti ai lavori. Il pubblico l’ha amata. Perché estrema, scorretta, feroce. Boris è come uno specchio, e in questo specchio si riflettono le assurdità della realtà, i paradossi del cinema e della televisione e la mediocrità dilagante in cui siamo tutti immersi. Non racconta unicamente la storia di un regista e della sua troupe; racconta uno spaccato preciso, profondo, di quello che siamo. Ed è per questo, probabilmente, che Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo, i registi e sceneggiatori della quarta stagione che hanno creato Boris con Mattia Torre, hanno aspettato tanto per rimettere mano a questa storia.

«Non volevamo guastare la festa che Boris è stata», dice Ciarrapico. «Molte persone avevano quasi paura di vedere i nuovi episodi perché non volevano rovinare il ricordo che conservavano di questa serie. Ed è un aspetto che ci ha fatto molta impressione. Noi, come sceneggiatori, non ce ne siamo accorti subito. Perché, come si dice, nessuno ci si incula. Sono stati gli attori a farci capire la portata di Boris». Tormentoni, meme, clip condivise ogni giorno e ogni ora, e poi video, immagini, riferimenti. Non è un’esagerazione parlare di una cultura “borisiana” dello spettacolo, e non è un’esagerazione dire che la serie prodotta da Lorenzo Mieli per The Apartment, disponibile su Disney+, si è trasformata in un vero e proprio simbolo.

ⓢ Che sfide avete dovuto superare per riuscire a produrre questa quarta stagione?
Luca Vendruscolo: «Negli anni precedenti ci sono state delle idee. A


Leggi tutto: https://www.rivistastudio.com/boris-quarta-stagione/


LaCittaNews è un motore di ricerca di informazione in formato magazine, aggrega e rende fruibili, tramite le sue tecnologie di ricerca, in maniera  automatica, gli articoli più interessanti presenti in Rete.  LaCittaNews non si avvale di nessuna redazione editoriale.   =>  DISCLAIMER

Buy Me A Coffee

Articoli correlati

Tra cultura e politica, dalle scuole parte la sfida del Mare Nostrum: “Navigare necesse”

Tra cultura e politica, dalle scuole parte la sfida del Mare Nostrum: “Navigare necesse”

“Oggi più che mai navigare necesse” – ha scritto Marco Valle a chiusura  del suo libro…
Possiamo ancora meravigliarci, anche con la tecnologia

Possiamo ancora meravigliarci, anche con la tecnologia

Come nei romanzi di appendice riprendiamo da dove ci siamo lasciati nell’articolo che ha preso spunto…
“Arte circolare” al Maxxi di Roma. L’iniziativa del Conai

“Arte circolare” al Maxxi di Roma. L’iniziativa del Conai

Il connubio tra materiali da scarto o riciclati e opere d’arte viene da lontano. Ma negli…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.