• 24 Novembre 2022
  • No Comment

Cosa ci fanno 150 pecore tra gli scavi di Pompei?

Cosa ci fanno 150 pecore tra gli scavi di Pompei?

Lo scopo è quello di cercare di mantenere in maniera ecosostenibile (e senze spese per l’amministrazione) le superfici a prato, nel rispetto delle caratteristiche naturali delle aree. L’accordo sperimentale durerà 9 mesi

Emergenza clima nel Mediterraneo

Sono 150, belle e belanti, le pecore al pascolo nell’area verde della antica città di Pompei, in una porzione di territorio ancora non scavato, ricoperto al di sopra della cenere e del lapillo, da una distesa vegetazione da manutenere.

Così, prende forma negli scavi archeologici più grnadi al mondo un accordo sperimentale per attività di Eco pascolo di ovini, della durata di 9 mesi, il cui scopo sarà quello di consentire in maniera ecosostenibile il mantenimento delle superfici a prato, assicurando il contenimento delle malerbe e la concimazione naturale dei terreni.

A volte l’innovazione più grande è il ritorno alle nostre radici. Così Pompei, attraverso il recupero della più antica ed efficiente tecnologia di tradizione, la “Natura”, affronta in maniera sostenibile la gestione e manutenzione degli spazi verdi del sito, dice il Direttore del Parco archeologico, Gabriel Zuchtriegel.

Si tratta di un


Leggi tutto: https://www.greenme.it/ambiente/cosa-ci-fanno-150-pecore-tra-gli-scavi-di-pompei/


LaCittaNews è un motore di ricerca di informazione in formato magazine, aggrega e rende fruibili, tramite le sue tecnologie di ricerca, in maniera  automatica, gli articoli più interessanti presenti in Rete.  LaCittaNews non si avvale di nessuna redazione editoriale.   =>  DISCLAIMER

Buy Me A Coffee

Articoli correlati

Vittoria! Anche la provincia autonoma di Trento dice NO ai cani alla catena

Vittoria! Anche la provincia autonoma di Trento dice NO ai cani alla catena

Una piccola, grande vittoria per il benessere dei cani: anche la provincia di Trento dice NO…
Cos’è il Tocatì, la tradizionale festa veronese dei giochi in strada che diventa patrimonio dell’Umanità Unesco

Cos’è il Tocatì, la tradizionale festa veronese dei giochi in strada che diventa patrimonio dell’Umanità Unesco

Riconosciuto come Buona Pratica di Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO: così il Tocatì, il tradizionale…
Di vulvodinia si parla ancora troppo poco, la petizione per vederla riconosciuta dal Sistema sanitario nazionale

Di vulvodinia si parla ancora troppo poco, la petizione per vederla riconosciuta dal Sistema sanitario nazionale

Un disturbo ginecologico che causa bruciore o dolore persistente all’ingresso della vagina e nella zona che…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.