Chetna Gala Sinha ha aperto la prima banca cooperativa per donne povere (e non alfabetizzate) dell’India

Chetna Gala Sinha è una figura pionieristica nel settore bancario indiano, nota per aver fondato la Mann Deshi Mahila Sahakari Bank, la prima banca cooperativa per donne nelle aree rurali dell’India. Il suo viaggio verso l’istituzione di questa banca è stato guidato dalla sua profonda consapevolezza delle ingiustizie affrontate dalle donne rurali, particolarmente evidenti nell’accesso...

Chetna Gala Sinha ha fondato la Mann Deshi Mahila Sahakari Bank, la prima banca cooperativa per donne nelle aree rurali dell’India per affrontare le ingiustizie finanziarie che vivono queste donne

@Foundations World Economic Forum/Wikipedia

Chetna Gala Sinha è una figura pionieristica nel settore bancario indiano, nota per aver fondato la Mann Deshi Mahila Sahakari Bank, la prima banca cooperativa per donne nelle aree rurali dell’India. Il suo viaggio verso l’istituzione di questa banca è stato guidato dalla sua profonda consapevolezza delle ingiustizie affrontate dalle donne rurali, particolarmente evidenti nell’accesso limitato ai servizi finanziari.

Sinha ha testimoniato le battaglie quotidiane delle donne che desideravano aprire conti bancari ma si trovavano spesso respinte a causa della mancanza di istruzione formale. L’idea di creare una banca cooperativa per le donne è nata dall’esperienza di Kantabai, una residente del villaggio di Mhaswad, che lottava per risparmiare denaro per il bene della sua famiglia, ma si scontrava con i rigidi requisiti delle banche tradizionali.

La battuta d’arresto iniziale, quando la loro richiesta di licenza è stata respinta, ha rafforzato la determinazione di


Leggi tutto: https://www.greenme.it/lifestyle/costume-e-societa/banca-dedicata-donne-aree-rurali/


LaCittaNews è un motore di ricerca di informazione in formato magazine, aggrega e rende fruibili, tramite le sue tecnologie di ricerca, in maniera  automatica, gli articoli più interessanti presenti in Rete.  LaCittaNews non si avvale di nessuna redazione editoriale.   =>  DISCLAIMER

Buy Me A Coffee

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.