• 4 Aprile 2022
  • No Comment

Bucha, cosa è successo: i pacifisti ora non hanno più alibi

Bucha, cosa è successo: i pacifisti ora non hanno più alibi

Gli orrori di Bucha, con le immagini sconvolgenti delle fosse comuni e delle esecuzioni di civili inermi con le mani legate, sono già una delle più atroci pagine di guerra della storia recente, un’onta che resterà indelebile sull’esercito russo e sul padrone del Cremlino.
Saranno le organizzazioni internazionali, attraverso una commissione indipendente, a certificare la mostruosità di un evento che già oggi dovrebbe comunque scuotere le coscienze anche di quei settori dell’opinione pubblica occidentale che per retaggi ideologici o per convenienza si ostinano a invocare la neutralità puntando l’indice contro le presunte colpe della Nato.
Non è una novità, perché negli ultimi decenni sono sempre esistite correnti di pensiero, soprattutto in Europa, inclini a giustificare le imprese dei dittatori, si chiamassero Milosevic, Khomeini o Saddam Hussein, in nome di una radicata avversione all’America e ai valori di libertà e democrazia che il suo ombrello militare ci ha garantito.
Ora la dottrina dell’interventismo umanitario armato, che a partire dalle guerre jugoslave degli anni Novanta era stato un elemento chiave della strategia statunitense, è andata in soffitta con il ritiro dall’Afghanistan, ma non per questo il mondo è diventato più stabile. Anzi: l’espansionismo militare russo, unito a quello economico cinese e al tentativo di costruire un cartello geopolitico multipolare di contrasto all’Occidente sono tutti tasselli di un mosaico instabile, e di uno scenario di cui già oggi sperimentiamo la pericolosità, con una pandemia ancora in corso, una guerra nel cuore d’Europa e il ritorno dello spettro della fame nel mondo.
In un tornante della storia drammatico come questo dovrebbe scoccare per tutti l’ora della responsabilità, invece le democrazie – la nostra in particolare – pullulano di piccoli Quisling pronti ad usare la libertà per schierarsi con i suoi nemici. Putin era già indifendibile, ma da ieri lo è di più, e chi ancora si rifugia nella zona grigia del pacifismo senza se e senza ma per un atavico riflesso antioccidentale non ha veramente più alibi, perché non possono esserci alibi di fronte a crimini di guerra come quelli documentati ieri sulle macerie spettrali di una sconosciuta cittadina ucraina.
L’ultima carta giocata dal putinismo da talk-show è il paragone letteralmente improprio tra la guerra in Ucraina e gli interventi della Nato nella ex Jugoslavia, ma è solo un miserabile trucco per confondere le cause con gli effetti: allora, infatti, l’Occidente intervenne prima con la Operation Deliberate Force, nel ’95, e quindi con l’operazione Allied Force del ’99 per fermare i massacri del regime serbo in Bosnia e in Kossovo, sfociati in vere e proprie pulizie etniche, e senza l’intervento americano le fiamme nei Balcani sarebbero continuate a divampare per anni; la Russia invece ha invaso uno Stato sovrano colpevole solo di aver scelto la strada della democrazia e sta cercando di annientare un intero Paese negandogli il diritto di esistere.
La differenza tra le due guerre è in tutta evidenza gigantesca, ma continua a non esserlo per chi non esita a violentare la storia pur di schierarsi contro l’Occidente. Gli irriducibili putiniani si aggrappano anche al fatto che i bombardamenti della Nato sulla Serbia avvennero senza un mandato specifico dell’Onu a causa della sostanziale paralisi del Consiglio di Sicurezza, ma dopo il fallimento del negoziato di Rambouillet, dovuto alla totale indisponibilità del presidente Milosevic a trattare, si aggiunse l’aperta violazione degli accordi sottoscritti in precedenza dal governo serbo, che attuò una repressione talmente brutale da provocare una catastrofe umanitaria che la Nato si decise a fermare. L’esatto contrario di Putin, che è l’unico responsabile di questa nuova catastrofe umanitaria.
Fonte: Il Tempo.it

Articoli correlati

Holodomor: il genocidio dimenticato dell’Ucraina

Holodomor: il genocidio dimenticato dell’Ucraina

Erano in sei milioni a morire di fame agli inizi degli anni Trenta. Tutti contadini dell’Unione…
Italia obiettivo degli hacker: “prepararsi a numerosi attacchi alle istituzioni dalla Russia”

Italia obiettivo degli hacker: “prepararsi a numerosi attacchi alle istituzioni dalla Russia”

La Russia di nuovo sotto la lente del Csirt, il team di risposta in caso d’incidenti…
Anarchici, dopo gli attentati ecco le scritte sui muri di Roma. Coppe: attenzione alle buste esplosive

Anarchici, dopo gli attentati ecco le scritte sui muri di Roma. Coppe: attenzione alle buste esplosive

Dopo gli attentati incendiari dei giorni scorsi a Madrid, con lettere esplosive recapitate a sedi istituzionali…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.