In memoria di un “fantasma” della tradizione viterbese: Trucche Trucche

 

Dalla notte di Halloween, una filastrocca in dialetto per i bambini.

TRUCCHE TRUCCHE

Aridaje, raga’: Trucche Trucche è tornato!
Nun diteme poe che nun v’evo avvisato!
Sto fantasima, de noi vetorbese,
adè passato vecino a tre chiese.
Da San Pellegrino a la Trinità
tutta stanotte è stato a volà.
Adè arrivato ed è stato visto
su ‘l campanile, vecino a San Sisto.
C’ ha più de ‘n secolo ben portato
le rughe le copre ‘n lenzolo stirato
lungo come la camicia de Meo;
quanno cammina, fa ‘n piagnisteo.
È nato a li tempi de Chicchinnina
sta svejo de notte e scenne ‘n cantina
beve na foja de vino giacciato
poi va a svejà chi dorme beato.
Doppo le foche adè ritornato
senza ascenzore al Duomo è arrivato
se fa una vasca, poi scenne d’un fiato
a Piascarano tutto aggitato.
C’ha qualche acciacco, ma ade’
normale:
eppure cent’anne nun se le porta male.
Rruzza con le fije, pure s’è vecchio
questoro dicheno che levi ‘l malocchio.
Forse ‘l fantasima ade’ ‘n po’ ‘ncriccato,
c’ha pure d’avè ‘n ginocchio sgrugnato.
S’ade’ scrociato pe no scapicollo
e ‘l piede de ferro l’ha messo ammollo.
Adè ‘nciampecato, s’ è n po’ ncarognito,
ma la notte passata s’adè ‘ngalluzzito.
L’hanno visto cercà la Bbella Galiana
verzo via Saffi e ma la funtana;
cantà du sturnelle co’ Frisigello
a piripacchio e senza l’umbrello.
Adè venuto miqquì doppo le foche,
a cercà rogna ggiù sotto a le gioche.
Nun ve scordate: c’ha na caterba de anne
adè uscito fora da acciacche e malanne.
Porta ‘n plonchise ‘n po’ arroncinato
e sembra più gojo de ‘n ovo covato.
La Notte de Mezzo j’è piaciuta ‘n tantino:
s’è strafugato ‘n altro quartino!
‘Mbriaco come na cucuzza ammaccata,
s’è scrociato ggiù ma la scalinata.
Quann’eremo ciuchi ce metteva paura,
mo ce fa ride ne la notte ppiù scura.
Cala piano ggiù pe ‘l Paradosso
‘nsieme a no scheletro senza più ‘n osso,
a braccetto co ‘na margolla arrocchjata
che da pischella pareva ‘na fata.
Fra ‘l virus e le serranne abbassate,
mo’ so’ loro che se so’ spaventate!
Fantasimi, stroleche, maghe e bbifane
nun ‘mpauriscono ppiù chi more de fame.
Co sta virus che ‘l monno ha beccato,
chi c’ha ppiù paura de ‘n fantasima ‘ncriccato?
( Anna Maria Stefanini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *