Nello screziato paesaggio dell’abbigliamento creativo (non soltanto) italiano Eleonora Altamore rappresenta la più densa forma di alleanza con l’opera d’arte che sia dato rintracciare.

Ora finalmente avremo l’opportunità di sperimentare l’intera partitura espressiva di Eleonora Altamore attraverso quella che i media erroneamente definiscono “sfilata” essendo l’appuntamento delle ore 20.30 del 25 settembre al n° 102 di via Margutta una mostra a tutti gli effetti.

La location e la circostanza sono perfette: l’equivalente italiano del Greenwich Village; quella di “Vacanze romane” dove passeggiavano e pasteggiavano Federico Fellini, Giulietta Masina, Anna Magnani, Giorgio de Chirico e tutti gli altri e l’edizione 2020 del rito romano della liaison Premio ModArt – Premio Margutta.
Si tratta di un’opportunità importante perché il trattamento stilistico di Eleonora Altamore costituisce un continuum e non è un caso che la sfilata-mostra sia stata chiamata Pearl Dreams: una collana che restituisce la possibilità di un’esperienza ravvicinata con i singoli fotogrammi dell’itinerario creativo della stilista siciliana romana d’adozione e comprenderne fino in fondo l’intera ecologia creativa.

Con una differenza sostanziale: le opere di Eleonora Altamore si possono indossare e portare con sé.

Tra i premiati per il Premio Margutta 2020 figurano musicisti come Fiorella Mannoia e i Negrita e gli attori Laura Morante e Alessandro Preziosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *