• 3 Novembre 2022
  • No Comment

Xylella, in Puglia i primi contributi per l’impianto di 78 specie

Xylella, in Puglia i primi contributi per l’impianto di 78 specie

Arrivano i primi contributi per l’impianto in zona infetta da Xylella di 78 specie ammesse, per iniziare a programmare la diversificazione colturale in Salento. Lo annuncia Coldiretti Puglia, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto del ministero delle Politiche che prevede in Puglia l’impiego di 25 milioni di euro per la riconversione verso altre colture. È possibile l’impianto di 78 specie ammesse per la riconversione produttiva, tra cui «le piante che si sono dimostrate resistenti o immuni all’organismo nocivo nelle zone infette in cui si opera l’eradicazione, e ciò riguarda agrumi, il pesco, l’albicocco, il susino, il mandorlo», spiega Coldiretti Puglia.

Arrivano i primi contributi per l’impianto in zona infetta da Xylella di 78 specie

«In uno scenario lunare fatto di migliaia di ulivi secchi ancora da eradicare – insiste Coldiretti Puglia – la diversificazione colturale è possibile e opportuna, per non condannare le province di Lecce, Brindisi e Taranto a una monocoltura, con il rischio che un organismo alieno azzeri il patrimonio produttivo del territorio, come già avvenuto con la Xylella che ha compromesso il 40% del patrimonio olivicolo della regione Puglia». Proseguono intanto gli studi in Puglia, dove sono già oltre 30mila i semenzali osservati, numerosi semenzali già a frutto che hanno superato la fase giovanile, di cui 190 asintomatici.

© Riproduzione riservata STAMPA

Articoli correlati

Carne artificiale: il no anche dal sindaco di Pisa

Carne artificiale: il no anche dal sindaco di Pisa

Il primo cittadino di Pisa, Michele Conti, ha firmato la petizione contro il cibo sintetico promossa…
A Ferrara al via l’iniziativa solidale “Il biscotto sospeso”

A Ferrara al via l’iniziativa solidale “Il biscotto sospeso”

Dal 18 al 25 novembre si potrà acquistare una confezione di cookies alla mela Pink Lady…
Carne sintetica, anche Slow Food si schiera contro

Carne sintetica, anche Slow Food si schiera contro

Barbara Nappini, presidente di Slow Food Italia, teme che il cibo diventi oggetto di una deriva…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.