• 18 Febbraio 2022
  • No Comment
  • 26

Sanità Lazio. Fials, allarme coop: a rischio eccellenza dell’intero servizio sanitario

Sanità Lazio. Fials, allarme coop: a rischio eccellenza dell’intero servizio sanitario

“E’ davvero increscioso per la nostra eccellenza sanitaria assistere alla possibilità che invece di incrementare l’accesso dei nostri operatori all’interno del servizio assistenziale si provveda a stringere accordi con le cooperative per ingaggiare medici, infermieri e tecnici provenienti da Paesi extra Ue. Ma non era l’Italia nel passato più prossimo a formare grandi professionisti?”
E’ quanto esplica la Segreteria provinciale Fials di Roma dinanzi al reclutamento di personale medico dall’estero.
“I nostri giovani professionisti si sono trasferiti all’estero perché qui non riuscivano ad accedere al SSR e SSN considerando la penuria di concorsi allora oggi, per sopperire alla fuga di quelle carriere si procede contrattualizzando cittadini da fuori Europa. Ci chiediamo – precisa la nota – cosa possa rispondere l’Ordine dei Medici, la Regione, le diverse Aziende sanitarie locali, ospedaliere e universitarie dinanzi a quella che dopo la prima infornata dell’Emilia Romagna, potrebbe vedere la seconda proprio nel Lazio”.
“Ed è proprio all’istituzione regionale che chiediamo cosa ne è della graduatoria dei vincitori di concorso ed idonei espletata ma non ancora esaurita. Le normative vigenti non consentono alle Coop l’ennesima intermediazione di manodopera soprattutto se ci sono professionisti in lista con il titolo di concorso. Oltre al fatto che – prosegue la nota – con le risorse dell’erario pubblico si andranno a retribuire le cooperative senza controllare quale tipo di contratto verrà stipulato ai medici e soprattutto quale professionalità costoro vantino”.
“Chi sarà deputato alla selezione di queste professionalità? Chi in grado di controllare i titoli e l’esperienza sul campo? Vorrà dire che sempre con le risorse dell’erario pubblici i medici delle coop si avvarranno delle professionalità preesistenti nei nostri nosocomi per farsi il curriculum e l’esperienza necessaria. Aspettiamo che la Regione Lazio faccia chiarezza sul metodo e sulla tempistica di assunzione di medici provenienti da Africa, Asia, Sud America e Paesi Arabi, e che – chiosa la nota Fials – blocchi immediatamente la manifestazione di interesse per il reclutamento di medici stranieri extra Ue del San Giovanni Addolorata”
Fonte: On Tuscia.it

Articoli correlati

Sanità, denuncia del Forum: «In 10 anni persi 25mila posti letto in degenza ordinaria»

Sanità, denuncia del Forum: «In 10 anni persi 25mila posti letto in degenza ordinaria»

di Margherita De Bac Le società scientifiche dei clinici coordinata da Cognetti: «Le case di Comunità…
Sanità, cosa si potrà fare (tra analisi, ecografie, vaccini e visite) nelle Case di comunità

Sanità, cosa si potrà fare (tra analisi, ecografie, vaccini e visite) nelle Case di comunità

Sono il cuore del Pnrr: in queste strutture lavoreranno medici di famiglia e pediatri, infermieri, altri…
Indice di liquidità: tutti i club depositano i documenti. Manca solo la Lazio | Alfredo Pedullà

Indice di liquidità: tutti i club depositano i documenti. Manca solo la Lazio | Alfredo Pedullà

Indice di liquidità: tutti i club depositano i documenti. Manca solo la Lazio | Alfredo Pedullàalfredopedulla.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.