• 30 Marzo 2022
  • No Comment
  • 41

Missing link: quello che il potere non ci svela

Missing link: quello che il potere non ci svela

Se hai la somma sventura di finire segregato ad Auschwitz, ti succede di pensare che, al mondo, niente sia altrettanto vero: il lager diventa il tragico specchio dell’unica possibile autenticità. Ce lo spiega la spietata, appassionata lucidità di Primo Levi: il vizio di forma del nostro sistema può portare esattamente là, dietro quei reticolati. Un inferno meticolosamente progettato da una potenza economica occidentale, la Germania, tacitamente sorretta dal capitalismo finanziario atlantico e, dopo la farsa di Norimberga, recuperata con i miliardi del Piano Marshall in funzione antisovietica, dopo aver tratto in salvo la maggior parte dei gerarchi e degli scienziati nazisti.

Un tema tristemente tornato alla ribalta, oggi, nell’osceno spettacolo che propone il revival del neonazismo in versione ucraina (quello che spara nelle gambe degli inermi prigionieri russi) in mezzo alla spaventosa mobilitazione generale che, in Europa e negli Usa, soffia sul fuoco della guerra scatenando un’ondata livida di russofobia delirante, gonfia di menzogna e gravida di minaccia. A voler cancellare i russi, come se fossero i nuovi “untermenschen”, sono i dimessi architetti del Nuovo Ordine di ieri, quello che radeva al suolo i grattacieli (al prezzo di tremila innocenti) e poi provava a sottomettere un miliardo di persone con la trovata geniale dell’ultima versione del terrorismo, quello sanitario.

L’abilità di chi stende filo spinato – diceva Primo Levi – consiste nel non dare nell’occhio: i recinti all’inizio sono di dimensioni limitate, proprio per non allarmare il pubblico. Dopo il trentennio aureo del boom, nel dopoguerra, in cui la macroeconomia pilotata doveva promuovere il benessere diffuso e la mobilità sociale per alimentare la macchina industriale e il consenso politico (da contrapporre al potere dell’Urss), il cosiddetto Occidente – principale motore bellico, nel mondo – ha ricominciato a progettare gabbie e recinti.

Una accelerazione senza precedenti, quella che ha incorporato mezza Europa, assediando la Russia, subito dopo il collasso del decrepito impero sovietico. Da allora, solo guerre: Iraq e Afghanistan, Cecenia, Jugoslavia, Libia e Siria, Georgia, Yemen, Ucraina. Ora siamo allo stallo tattico: troppo grossa, la Russia, per essere ingoiata. Non solo: con Mosca c’è praticamente il resto del mondo. Cina e India, Sud-Est Asiatico, Africa e Sudamerica. L’Occidente delle sanzioni si è rimpicciolito. Ora alza la voce, come sempre e più di sempre. Ha paura che il suo dominio dispotico, fondato sulla finanza a mano armata, questa volta possa davvero crollare? Teme che possa franare l’ipocrisia della sua doppia morale, che prevede la democrazia formale in casa propria e la “dittatura amica” fuori dai confini? Forse qualcuno, a Washington, trema all’idea che milioni di europei – a cui oggi viene fatto pagare il conto della crisi ucraina – possano manifestare insofferenza, per il rovinoso vassallaggio feudale cui sono sottoposti?

La società occidentale si è rivelata, storicamente, un formidabile laboratorio intellettuale, culturale, ideologico. Laboratorio di cui oggi si stenta a ritrovare traccia, tra milioni di cittadini ammutoliti e sottomessi, sottoposti al nuovo regime dell’ipnosi di massa. Prima Al-Qaeda e la crisi dei subprime, poi quella degli spread, quindi le stragi dell’Isis. Il copione è invariabile: l’Uomo Nero compare dal nulla, semina il panico e poi sparisce, prima che si scopra il suo vero mandante. Sparisce, il Nemico, per cedere il posto al nuovo Grande Terrore. E’ stato lungo, il training sociale che ha preparato l’avvento della Paura Pandemica Universale, antipasto del piatto forte: l’inoculo a tappeto di sieri genici sperimentali, come premessa per giungere infine al lasciapassare obbligatorio.

Un capolavoro devastante e senza precedenti, al quale ha lavorato in modo formidabile la disinformazione violenta operata ogni giorno dai grandi media. Scontato, oggi, che il pubblico si schieri contro l’ultimo Uomo Nero che il sistema gli ha appena presentato: il folle, sanguinario dittatore russo. Un pazzo che una mattina si sveglia e, senza una ragione, invade un paese qualsiasi. Questa è la versione a cui gli occidentali sono tenuti a credere.

Ai tempi dell’Urss, l’Occidente dava asilo a uomini ferocemente perseguitati, come il grande Solženicyn. Oggi, è la Russia a dare asilo a Snowden, mentre il povero Assange marcisce in carcere per aver mostrato al mondo l’orrore dei lager statunitensi, da Guantanamo ad Abu Ghraib, negli anni in cui il democratico governo di Tel Aviv bombardava con il fosforo bianco gli “scarafaggi palestinesi” di Gaza, facendo 1.400 morti tra la popolazione civile.

Anche questo è Occidente: così come lo sono i dissidenti di origine ebraica, da Moni Ovadia ai valorosi “refuseniks” israeliani, soldati che alla barbarie preferiscono la disobbedienza e quindi il carcere militare.

Oggi, però, di fronte alla devastazione prodotta dal regime occidentale con l’arma dell’emergenza “pandemica”, si stenta a leggere l’attualità con le sole lenti della geopolitica. Nasce cioè il sospetto, avanzato da alcuni, che la Russia di Putin non abbia solo voluto reagire al progressivo strangolamento cui è stata sottoposta. Non che le mancassero i pretesti per intervenire: sono stati 20.000 i cittadini russofoni assassinati nel Donbass, negli ultimi otto anni, dal governo fantoccio di Kiev insediato dopo il golpe occidentale del 2014. Non chiudere all’Ucraina le porte della Nato è stata una provocazione esplicita, esattamente come i missili schierati nei Paesi Baltici, a due passi da San Pietroburgo.

Considerazioni elementari, costate il posto al corrispondente Rai – Marc Innaro – che aveva osato farle presenti: in Occidente, oggi, dire la verità è pericoloso.

Ma, appunto, la questione non può ridursi a una mera contesa egemonica territoriale: ci dev’essere altro, dietro alla decisione del Cremlino di passare alle vie di fatto, archiviando la diplomazia, pur sapendo che le conseguenze – di portata globale – sarebbero state letteralmente epocali. Un vero e proprio divorzio tra due mondi, forse addirittura – almeno in parte – concordato. Come dire: separiamoci, facciamola finita.

Proprio non ci volete, perché non siete riusciti a sottometterci? Bene, allora ce ne andiamo. E vedremo, alla fine, chi la spunterà.

Così, cambierà il mondo: è già cambiato, infatti.

I signori del dollaro sono inquieti: che fine farà, l’antico potere basato sulla schiavitù del debito, imposta con il monopolio della moneta non sovrana? E i loro colleghi, i padroni dell’euro, ora si preparano all’ennesima terrificante austerity cui sottoporre i sudditi europei, reduci dalla strage sanitaria, dai lockdown e dalle green card, verso il credito sociale in stile cinese.

Nel suo illuminante saggio (“Massoni”, uscito nel 2014), Gioele Magaldi ha acceso i riflettori su un livello sovrastante del potere, quello delle superlogge. Organizzazioni apolidi e senza bandiera, spesso in conflitto tra loro, che detterebbero l’agenda mondiale: agirebbero al di sopra dei governi e anche delle entità paramassoniche, come la Trilaterale, il Bilderberg e il tristemente celebre Forum di Davos.

Sarebbero loro, i creatori del Truman Show permanente: quello che ha dato vita al personaggio Greta, animando il film del “climate change di origine antropica” per lanciare la finanza “green”, imponendo intanto il più assoluto silenzio su svariate operazioni collaterali già in corso, dallo sviluppo della rete di antenne 5G al continuo rilascio di sostanze chimiche, nei cieli occidentali, da parte degli aerei di linea.

In questi ultimi anni, poi, sono andate emergendo le voci di analisti indipendenti, non coinvolti in reti di potere più o meno occulte. Il ritratto che offrono, dell’establishment globalista, è piuttosto sconcertante: si parla di leader che, dietro l’esibita pragmaticità materialistica, debitamente incipriata di politically correct, studiano l’astrologia e talora praticherebbero anche la magia, ufficialmente relegata alla dimensione infantile della superstizione.

Alcuni, ricorrendo al registro mistico, tendono a ricondurre anche la geopolitica alla categoria del soprannaturale, dello spirituale, nel tentativo di dare una spiegazione all’eterno problema del male.

Studiosi di ogni parte del mondo, nel frattempo, si sono accorti del fatto che le religioni originarie non sarebbero state altro che l’eredità terrestre di antichi governatori non terrestri, “divinità” raffigurate – migliaia di anni fa – a bordo di velivoli come quelli che nel 2019 la Us Navy ha finalmente mostrato al pubblico, senza più negarne la presenza.

Sotto questo aspetto, Oriente e Occidente potrebbero anche essere interpretati come giganteschi esperimenti zootecnici. Se così fosse, si dovrebbe dedurre che le chiavi della storia – incluse le ultime crisi, il precipizio sul quale oggi sembra barcollare il mondo – non siano esclusivo appannaggio di ristrette élite iniziatiche, e men che meno dei capi di Stato che ad esse, oscuramente, risponderebbero.

La smisurata quantità di male che è stata rovesciata addosso alla popolazione sembra condannare innanzitutto l’Occidente: sempre meno distinguibile dalle deprecate dittature e, anzi, in prima linea – in questi anni – nel perseguitare i cittadini con inaudite vessazioni.

La sensazione è che siano destinate a cadere molte categorie politologiche del passato, travolte dal totalitarismo della “neolingua” orwelliana che sembra essersi impadronita dell’uomo occidentale, indebolito in mille modi e traumatizzato da un potere la cui logica sfugge, francamente, alle consuetudini terrestri.

E’ un potere che celebra il falso, imponendolo in modo sempre più assertivo. Un potere che discrimina, che mente quasi sempre. Come se dovesse nascondere qualcosa di irriferibile, di inconfessabile. Un “missing link”, tra i massimi decisori visibili e le ipotetiche, impalpabili entità da cui forse hanno sempre preso ordini: esattamente come i sacerdoti delle divinità antiche.

Giorgio Cattaneo
Fonte: Libre Idee.it

Articoli correlati

Un genocidio della verità che ha terremotato le menti sotto le bombe della disinformazione

Un genocidio della verità che ha terremotato le menti sotto le bombe della disinformazione

Tragica primavera, quella che stiamo vivendo: oppressa da scenari lividi e dominata dalla menzogna, sia in…
Il nuovo virus (la Russia) e i centri Nato già sul suolo ucraino

Il nuovo virus (la Russia) e i centri Nato già sul suolo ucraino

Roberto Speranza è intoccabile: è veramente protetto dai poteri forti che rappresenta. Proprio lui, insieme al…
Putin resiste al regime globalista che ha liquidato Trump

Putin resiste al regime globalista che ha liquidato Trump

Chi ci guadagna, nel trascinare verso terreni ignoti una crisi come quella ucraina? Posso dire chi ci perde:…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.