• 13 Novembre 2021
  • No Comment
  • 19

L’allarme dell’Iss sul vaccino: dopo sei mesi cala la protezione anche sulla malattia severa

L’allarme dell’Iss sul vaccino: dopo sei mesi cala la protezione anche sulla malattia severa

Il vaccino dura meno di quanto si sperava e la conferma arriva dai dati dell’Iss nel report settimanale. Dopo i 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale «si osserva una forte diminuzione dell’efficacia vaccinale nel prevenire le diagnosi in corrispondenza di tutte le fasce di età.
In generale, su tutta la popolazione, l’efficacia vaccinale passa dal 76% nei vaccinati con ciclo completo entro i sei mesi rispetto ai non vaccinati, al 50% nei vaccinati con ciclo completo oltre i sei mesi rispetto ai non vaccinati».
Sempre in calo, ma meno evidente, la protezione dopo 6 mesi dalla malattia severa: «Si osserva, infatti, una decrescita dell’efficacia vaccinale di circa 10 punti percentuali, in quanto l’efficacia per i vaccinati con ciclo completo da meno di sei mesi è pari al 92% rispetto ai non vaccinati, mentre risulta pari all’82% per i vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi rispetto ai non vaccinati». Quanto ai ricoveri, quelli tra i non vaccinati sono 7 volte più alti rispetto ai vaccinati da meno di sei mesi e 6 volte più alti rispetto ai vaccinati oltre sei mesi. Tra gli over 80, infine, i decessi tra i non vaccinati sono 10 volte più alti contro i vaccinati entro sei mesi e 6 volte più alti contro i vaccinati da più di 6 mesi. Lo rileva l’Istituto Superiore di Sanità nel report settimanale esteso pubblicato oggi.

Complessivamente, si legge nel report dell’Iss, «più del 90% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale. Il numero di ospedalizzazioni, fra il 01/10/2021 e il 31/10/2021, fra i vaccinati con ciclo completo da meno e da oltre sei mesi è pari rispettivamente a 664 e 487, mentre nei non vaccinati il numero di ospedalizzazioni è pari a 439. Tuttavia, calcolando il tasso di ospedalizzazione per i non vaccinati (184,1 ricoveri per 100.000) si evidenzia come questo sia circa sette volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di sei mesi (25,0 ricoveri per 100.000) e 6 volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi (31,5 ricoveri per 100.000)». Analizzando il numero dei ricoveri in terapia intensiva e dei decessi negli over 80, si osserva che« il tasso di ricoveri in terapia intensiva dei non vaccinati (10,9 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) è circa sette volte più alto di quello dei vaccinati con ciclo completo da meno di sei mesi (1,5 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) e da oltre sei mesi (1,4 ricoveri in terapia intensiva per 100.000) mentre, nel periodo 17/09/2021 – 17/10/2021, il tasso di decesso nei non vaccinati (64,1 per 100.000) è circa dieci volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo entro sei mesi (6,2 per 100.000) e sei volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi (9,9 per 100,000)».
Fonte: Il Tempo.it

Articoli correlati

Studio Nature: Israele aumento del 25% di infarti in giovani vaccinati

Studio Nature: Israele aumento del 25% di infarti in giovani vaccinati

E’ di ieri la pubblicazione di uno studio sulla prestigiosa rivista scientifica Nature dal titolo “Aumento degli…
Il vaccino a Rna salva la vita? La sorpresa da uno studio danese

Il vaccino a Rna salva la vita? La sorpresa da uno studio danese

La domanda è ovviamente ironica, ma viene spontanea da questo rapporto del Cdc dal quale sembra quasi che il…
“Via il super Green pass al lavoro”. L’annuncio di Costa, ma il Green pass base resterà

“Via il super Green pass al lavoro”. L’annuncio di Costa, ma il Green pass base resterà

l sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, ha fatto un annuncio che per quelli non troppo attenti…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.