• 17 Giugno 2022
  • No Comment
  • 532

La lettera di Alessandro Del Pozzo, il papà di Elena: «Martina non è pazza, odiava la bimba. Ha premeditato tutto, senza pentirsi»

La lettera di Alessandro Del Pozzo, il papà di Elena: «Martina non è pazza, odiava la bimba. Ha premeditato tutto, senza pentirsi»
image

di Alfio Sciacca, inviato a Catania

Dopo giorni Alessandro Del Pozzo rompe il silenzio. «Martina Patti è cattiva, faceva di tutto per mettermela contro»

Per giorni si era chiuso nel silenzio, evitando anche di uscire da casa. Lo ha fatto solo la sera, per andare all’obitorio dell’ospedale Cannizzaro di Catania dove c’è la salma di Elena, la figlia di 5 anni uccisa dalla mamma
e sua ex compagna. Ogni sera ha portato fiori o acceso delle fiaccole. Poi di nuova a casa, chiuso nel suo dolore. Fino a ieri pomeriggio. Dopo aver sentito in tv l’avvocato di Martina Patti parlare dell’ipotesi che venga sottoposta a perizia psichiatrica ha deciso di rompere il silenzio con un lungo messaggio inviato ai giornalisti che seguono il caso.

Lo ha fatto, appunto, per dire: «Martina non è pazza, il suo è stato un delitto crudele e premeditato». Alessandro Del Pozzo
non ci sta a sentir parlare di infermità mentale dell’ex compagna. «Non avevo intenzione di rilasciare interviste perché sono troppo addolorato, ma lo reputo giusto nei confronti di mia figlia. Ho sentito parlare di pazzia e di gelosia morbosa, ma non ho sentito parlare di cattiveria e di sadismo». Per l’uomo quello di Martina «non è stato un raptus, ma un omicidio premeditato e studiato in ogni particolare. I momenti di pazzia sono seguiti da momenti di lucidità» e invece «non si è nemmeno pentita di aver ucciso la bambina! Bensì ha messo Elena dentro dei sacchi della spazzatura, l’ha sotterrata, si è ripulita e ha ripulito, ha inventato un sequestro creandosi un alibi e ha colpito la sua macchina per inscenare un’aggressione: 24 ore di bugie!!! Un omicidio in cui ci si crea pure l’alibi e si occulta il corpo non può essere un raptus di pazzia!».

Un messaggio contrappuntato da tanti punti esclamativi, come a rafforzare il suo pensiero e la rabbia. Della figlia invece continua a parlare al presente: «Amo mia figlia più di ogni altra cosa al mondo, è uguale a me in tutto e per tutto. Me l’ha uccisa! Me l’ha portata via… non perché non voleva che legasse con la mia compagna, ma perché voleva mettermela contro… le parlava male di me ogni giorno ed Elena me lo veniva a raccontare. Non ci sarebbe potuta riuscire perché io e Elena siamo una cosa sola e lei la odiava per questo. Ha tentato di parlare male di me fino al giorno che ha capito che non ci sarebbe riuscita e ha studiato come ammazzarla. Distruggendo la sua innocente vita…».

Martina «ha preso Elena dall’asilo un’ora prima perché già era preparata mentalmente. Questa è una chiara prova di una mente sana, in grado di organizzarsi». Poi il ricordo della figlia: «Elena aveva tutta la vita davanti. Sono distrutto, mi sento un vuoto dentro incolmabile. Ho sempre promesso a mia figlia che l’avrei tenuta al sicuro, avrei dato la vita al posto suo. Non potevo pensare che l’avrei dovuta proteggere proprio da sua madre… Martina è un mostro, non meritava una figlia come Elena, speciale e unica in tutto». Per questa mattina è prevista l’autopsia sulla bambina. Sempre oggi ci sarà l’interrogatorio di garanzia della mamma che ieri sera ha avuto una videochiamata con il suo legale, Gabriele Celeste: «Abbiamo parlato mezz’ora. È molto provata e scossa dallo stato di detenzione. Quando parla della figlia è travolta dall’emozione e piange. Ha confermato che vuole collaborare con gli inquirenti».

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.