• 6 Dicembre 2021
  • No Comment

Il siero non immunizza: così il Green Pass aiuta il virus

Il siero non immunizza: così il Green Pass aiuta il virus

Sapete perché penso che la decisione del governo di istituire un super green pass sia stupida e pericolosa?
Perché si regge su una doppia menzogna, ovvero che chi è vaccinato non sia contagioso, non rischi di essere contagiato, e chi non lo è rappresenti un pericolo per la collettività. Non è così. Anche se giornalisti come Fabrizio Roncone, del “Corriere della Sera”, vanno in tv a dire che «in democrazia le minoranze vanno rispettate, ma non hanno alcun diritto di minacciare la mia salute e il mio diritto al lavoro», a minacciare la sua salute e il suo diritto al lavoro non sono solo gli 8 milioni di italiani che non si sono vaccinati, ma anche i 30 milioni che sono «immunizzati» – tra i quali probabilmente lui – e che si credono al riparo dal virus, ma in realtà non lo sono. So che è difficile da capire, per chi preferisce trovare capri espiatori invece di ragionare, ma se il “British Medical Journal” scrive che il «rischio di contagio per i vaccinati comincia ad aumentare 90 giorni dopo la seconda dose», significa che in Italia abbiamo 30 milioni di potenziali untori che circolano con un green pass che è carta straccia.
Mi spiego. In base a una ricerca condotta in Israele su 83.000 persone, si è scoperto che la copertura vaccinale decresce pian piano che trascorre il tempo, al punto che, passato un periodo compreso fra i tre e i sei mesi, 7.973 degli immunizzati presi in esame sono risultati positivi al Covid. In pratica, poco meno del 10% si è contagiato nonostante avesse fatto sia la prima che la seconda dose Pfizer. Che cosa vuol dire? Che se applichiamo questa ricerca alla situazione italiana, su 45 milioni di persone che si sono vaccinate, 30 milioni di queste – tra le quali mi ci metto anche io – sono potenzialmente a rischio di contagio, in quanto hanno ricevuto la vaccinazione da parecchi mesi. Già, perché se togliete chi si è “immunizzato” di recente e i circa 5 milioni che hanno ricevuto la terza dose, significa che la metà della popolazione italiana si sente al riparo dal Covid e non lo è.

Istituire un super green pass e rinchiudere agli arresti domiciliari chi non si sia vaccinato, non solo dunque non serve a nulla, ma addirittura rischia di essere pericoloso, perché si dà al vaccinato l’idea di essere immune. Non lo dico io. Lo dice Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il quale in una recente conferenza stampa si è detto preoccupato del «falso senso di sicurezza dato dai vaccini». Sì, ha usato proprio questi termini, spiegando che la pandemia non è finita. Altro che minaccia alla sua salute e al suo diritto al lavoro, come dice Roncone: il pericolo viene da chi continua a raccontare balle. Quante volte in questi mesi qualcuno si è avvicinato a me senza mascherina parlandomi a 50 centimetri dalla faccia e dicendomi «tanto siamo vaccinati», intendendo così «tanto noi non rischiamo nulla». Balle. Anzi, super balle.
L’idea che non si rischi e che il green pass sia un lasciapassare che consente di ignorare il virus è una grande menzogna. E per rendersene conto, è sufficiente guardare ancora una volta a Israele, che essendo più avanti di tutti è diventato un esempio da studiare con cura. In quel paese hanno vaccinato tutte le persone che potevano e volevano essere vaccinate. Dopo di che, visto che i contagi aumentavano, hanno iniziato le terze dosi e anche la vaccinazione sui bambini da 5 a 11 anni. Risultato: sono alle prese con la quinta ondata di contagi e già hanno iniziato la quarta dose. Situazioni analoghe si registrano anche in paesi che hanno vaccinato più di Israele e più di noi. Il Portogallo, per esempio, dove nonostante un’immunizzazione a tappeto sono alle prese con nuovi contagi e altri morti. Ma anche l’Irlanda, che ho più volte citato.
Il vaccino aiuta, ma non ferma l’epidemia, e continuare a criminalizzare chi non si è vaccinato non serve a niente se non a confermare le proprie piccole o grandi insicurezze. Lo ha scritto su “Lancet” uno dei più importanti ricercatori, Gunter Kampf: quella con cui siamo alle prese non è un’epidemia di non vaccinati. Un esempio? Guardate i decessi nel Regno Unito fra il 18 novembre e il 14 dicembre. Il 18,08% delle morti è avvenuto fra persone non vaccinate, ma il 78,94% è stato registrato fra persone vaccinate con due dosi. È il paradosso di Simpson? Sì, certo, ma andatelo a spiegare ai familiari di chi è andato al camposanto. E ditegli anche che è solo colpa di quel 20% di inglesi che non si è ancora rassegnato all’iniezione. Andate in quel paese e a quel paese. Voi e le vostre bugie.
(Maurizio Belpietro, “Super Green Pass alleato del virus”, da “La Verità” del 26 novembre 2021, ripreso da “InfoSannio”).

Articoli correlati

Sono una dermatologa e ti spiego se è sempre necessario usare una crema (o fondotinta) con SPF anche in inverno

Sono una dermatologa e ti spiego se è sempre necessario usare una crema (o fondotinta) con…

Sui social, la dottoressa Pucci Romano pubblica con regolarità “pillole” di saggezza nel campo della dermatologia,…
Se noti uno o più di questi 6 sintomi ricorrenti forse potresti avere un problema di esposizione alla muffa in casa

Se noti uno o più di questi 6 sintomi ricorrenti forse potresti avere un problema di…

Quella della presenza di muffa nelle nostre case è una condizione abbastanza frequente. Infatti, soprattutto se…
Se hai il diabete non eliminare i carboidrati: le diete low carb aumentano il rischio, secondo questo studio

Se hai il diabete non eliminare i carboidrati: le diete low carb aumentano il rischio, secondo…

Spesso si sente che per prevenire il diabete, occorre seguire una dieta a basso contenuto di…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.