• 25 Aprile 2021
  • No Comment
  • 15

Firenze protesta in piazza della Signoria contro il coprifuoco

Firenze protesta in piazza della Signoria contro il coprifuoco

Contro le leggi anticostituzionali ci vuole una protesta ferma, civile, senza violenza e, soprattutto, senza paura.
Questo stanno dimostrando in questo momento a Firenze, dove alcune centinaia di persone, circa duecento, stanno manifestando contro i nuovi provvedimenti del Governo.
Sulla facciata di un palazzo viene proiettata la scritta No coprifuoco, Libertà.
 

 
In piazza numerosi aderenti all’associazione Tni Italia che fa riferimento ai ristoratori toscani guidati da Pasquale Naccari. Presenti anche alcune bancarelle che vendono gelati. Appelli ai megafoni per il rispetto delle distanze di sicurezza e l’uso della mascherina.

Nonostante che, alle 22:24 è intervenuta la Polizia e la Digos sono restati tutti in piazza e con estremo rispetto si sono tutti messi a disposizione delle forze dell’ordine per farsi identificare ed eventualmente ricevere le (stupide) sanzioni stabilite da un Governo senza logica e non votato.
 

 
L’organizzatore, Naccari, dal palco ha invitato a mantenere le distanze annunciando che “i ristoranti da martedì non chiuderanno più” e soprattutto a garantito a tutti i presenti che per le sanzioni ci sarà un’organizzazione di avvocati che li sosterrà.
Sono li stanno ballando e la polizia che li sta guardando questa è civiltà e democrazia, libertà di manifestare.

Articoli correlati

Firenze, turista muore dopo aver salito i 463 gradini della cupola del Brunelleschi

Firenze, turista muore dopo aver salito i 463 gradini della cupola del Brunelleschi

Muore dopo essere arrivato in cima alla Cupola del Brunelleschi. Tragedia per un turista statunitense a…
Il wrestling di Draghi e Conte

Il wrestling di Draghi e Conte

Casus belli è una locuzione latina con cui di solito si indica la motivazione ufficiale che…
Papa Francesco grida contro le armi, ma i media lo snobbano

Papa Francesco grida contro le armi, ma i media lo snobbano

Le parole usate sono tra le più forti che si ricordino, eppure l’accusa di Bergoglio contro…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.