• 25 Gennaio 2023
  • No Comment

È stato revocato il secondo giorno di sciopero dei benzinai

È stato revocato il secondo giorno di sciopero dei benzinai

Lo sciopero dei benzinai previsto per domani, giovedì 26 gennaio 2023, è stato revocato dalle associazioni che lo avevano indetto.

Non è ancora chiaro cosa stiano tramando dato che comunque, il governo Meloni, si è dimostrato intransigente.

È stato revocato il secondo giorno di sciopero dei benzinai

Tra le organizzazioni dei gestori, ad aderire all’iniziativa di sospendere lo sciopero c’è solo la Faib. Fegica e Figisc hanno deciso di portare a termine le loro 48 ore di proteste contro il governo Meloni. A tranquillizzare la Faib sarebbe stato un incontro tra i vertici dell’organizzazione e il ministro delle Imprese e del made in Italy Adolfo Urso.

Secondo Faib Confesercenti, infatti, ci sarebbero segnali positivi ed una parziale apertura da parte del governo.

Perché i benzinai scioperano

Le motivazioni che hanno portato i benzinai a contestare il governo con uno sciopero è da ricercare nel Decreto Trasparenza. Il premier Giorgia Meloni è sempre stata ferma sulle sue posizioni dichiarando di non voler cambiare nulla, per il momento, riguardo i prezzi del carburanti nonostante continuino a crescere in maniera esponenziale.


Leggi tutto: https://www.notizie.it/e-stato-revocato-il-secondo-giorno-di-sciopero-dei-benzinai/


LaCittaNews è un motore di ricerca di informazione in formato magazine, aggrega e rende fruibili, tramite le sue tecnologie di ricerca, in maniera  automatica, gli articoli più interessanti presenti in Rete.  LaCittaNews non si avvale di nessuna redazione editoriale.   =>  DISCLAIMER

Buy Me A Coffee

Articoli correlati

Orgoglio Italia in Antartide: la rompighiaccio “Laura Bassi” batte il record mondiale di navigazione al sud

Orgoglio Italia in Antartide: la rompighiaccio “Laura Bassi” batte il record mondiale di navigazione al sud

Record mondiale assoluto per la nave rompighiaccio italiana “Bassi” che ha toccato il punto più a…
L’appello del padre di Denise Pipitone: “Cerco un lavoro per vivere dignitosamente”

L’appello del padre di Denise Pipitone: “Cerco un lavoro per vivere dignitosamente”

«Mi chiamo Pietro Pulizzi, molti mi conoscono come il papà di Denise. Sono in cerca di…
Roma, l’incredibile caso del venditore abusivo: colleziona 190 multe e non paga mai

Roma, l’incredibile caso del venditore abusivo: colleziona 190 multe e non paga mai

Ha collezionato 190 tra multe e ordinanze aggiuntive, e non ne ha mai pagata nessuna. È…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.