• 20 Febbraio 2022
  • No Comment
  • 22

Dugin: povera Italia, sottomessa. Ma il “risveglio” vincerà

Dugin: povera Italia, sottomessa. Ma il “risveglio” vincerà

Il Grande Reset è la reazione disperata dei globalisti che vedono come il mondo stia diventando multipolare. Questo progetto, nonostante la contrarietà della maggior parte dei popoli del globo, vuole arrivare al suo obiettivo puntando molto anche sulla pandemia. Il Grande Reset arriva dai primi anni 2000, quando i globalisti hanno cominciato a sentire la perdita della loro forza e dunque hanno cercato e cercano in tutti i modi di recuperare una situazione positiva per loro. Ad esempio, l’élite liberale ha imposto lo stato di emergenza per recuperare il potere sulla mente delle persone, in quanto sempre più esseri umani si stanno allontanando dal disegno globalista. L’élite liberale, nonostante si sia dimostrata incapace di gestire l’emergenza Covid, vuole comunque usare questa cosa (e lo stato di emergenza) per rimanere ai vertici. Tutto questo sembra piuttosto una “agonia liberale” e personalmente penso che il Grande Reset sia affogato.
Questo anche perché, se le restrizioni occidentali e lo stato di emergenza sono usate dall’élite liberale per mantenere il potere e per difendere il globalismo, la Russia e la Cina hanno dimostrato che delle giuste misure di contenimento del virus possono essere usate però solamente Duginper i propri interessi sovrani (contrari al globalismo): misure simili ma con visioni diverse. L’Italia è stata la più sfortunata di tutti perché ha scelto il peggior presidente possibile. Non immagino nessuno peggio di Draghi. Quest’ultimo non porta nessuna promessa con sé, ma è uno che sta lì per garantire il puro status quo. E questa è la cosa più spaventosa: non cambiare niente – nelle tendenze di oggi – è il delitto più grave. Draghi incarna perfettamente l’élite liberale. Nonostante il Grande Reset sia sostanzialmente fallito, comunque, è chiaro che alcuni territori siano ancora sotto il controllo dell’élite liberale. Insieme ai monopoli tecnocratici che non si sottopongono a nessun potere politico, hanno usato l’emergenza coronavirus da un lato per mantenersi al potere e dall’altro per cercare di rafforzare la propria influenza e il loro dominio.

Al Grande Reset, però, si oppone il Grande Risveglio. E questa fase, iniziata da poco, si sta sviluppando come una guerra tra due visioni contrapposte. In concreto, le popolazioni da un lato e l’élite liberale dall’altro. Questa non sarà una guerra tra nazioni, ma una guerra – in Europa ed in tutto il mondo – tra la popolazione che è per il Grande Risveglio, e le loro élite che sono per il Grande Reset. Se parliamo del ruolo della Russia in questa guerra civile, essa sarà dalla parte del Grande Risveglio, anche se i tentacoli del Grande Reset ce li abbiamo ancora dentro; ad esempio, il nostro Gref (Herman Gref, presidente di Sberbank, il principale gruppo bancario del paese, ndr) sarebbe come il vostro Draghi. La differenza fondamentale è che noi lo abbiamo lasciato dov’è, mentre voi l’avete messo a capo della Banca Centrale Europea e ora alla testa del governo italiano. L’influenza globalista dentro la Russia è molto forte ed è presente soprattutto nel potere Herman Grefeconomico: se l’anima della Russia è col Grande Risveglio, per le questioni più concrete non è interamente così. Quindi la Russia è in una posizione di “neutralità ostile” verso il Grande Reset e anche questo è già un buon segno.
Per noi ortodossi, il Grande Reset significa il progetto dell’Anticristo. Dunque, tutti quelli che sono davvero contro l’Anticristo sono dei santi. E la Russia di Putin ha quasi preso la posizione di leader in questo circolo dei santi che sono contro l’Anticristo. In generale, va sempre tenuto presente che nessuno può risolvere questo problema se non le persone stesse. Se un italiano o un francese non si rialzano contro il male globale che ha il volto di Draghi o di Macron, nessun altro lo farà per loro. Non importa se siano pro Le Pen o Mélenchon, ad esempio; l’importante è muoversi contro Macron. Questo vale anche per gli statunitensi: se non si rialzeranno e non difenderanno la loro identità, nessun altro lo farà per loro, nemmeno Putin. Questa è una lotta dell’umanità contro l’anti-umanità. Nonostante il mostro globalista stia affogando, ci serve – a maggior ragione – l’aiuto di tutti, perché venga definitivamente sconfitto. In questa lotta, pure una persona da sola (anche andando contro la famiglia o il fratello, come dice il Vangelo) potrà cambiare la bilancia del mondo. Anche un piccolo granello può fare la differenza.
I segni del fallimento dell’élite globalista li vediamo, ad esempio, nel frenetico ritiro degli Usa dall’Afghanistan, così come dalla Siria. I Talebani hanno dato un calcio in culo alle armate invincibili nordamericane che, ritirandosi, hanno lasciato il caos generale: ovunque esse vanno, infatti, non portano più ordine ma soltanto distruzione. Ad esempio, tutti quegli Stati post-sovietici ai quali gli Usa hanno promesso di dare assistenza, in cambio hanno perso la propria integrità territoriale. Gli americani non possono più essere i possessori del mondo e la loro politica è inadeguata sotto ogni aspetto. Questi sono i segnali più evidenti di questo fallimento. Dunque, anche se i globalisti riescono Talebaniancora a mantenersi al potere, essi non hanno nessuna idea seducente per le persone; possono usare la paura e spaventare tutti, possono introdurre il Green Pass e mettere le telecamere di sorveglianza ovunque, ma non offrono nessuna idea di futuro.
Ad esempio, se guardiamo i film americani incentrati sul nostro prossimo futuro, essi finiscono tutti male. Non c’è futuro, come in “Mad Max” ed altre pellicole. L’idea, infatti, è sempre la stessa: moriranno tutti o sopravviveranno in pochi ma in malo modo, magari come uomini-rettili totalmente disumanizzati. Quindi, come possiamo vedere chiaramente, i globalisti non hanno alcuna idea di futuro; e le civiltà senza un’idea di futuro sono civiltà in agonia, come sempre lo sono state. Essi cercano di rimanere al potere con i denti, stringendolo forte con le mani, ma il potere gli sta sfuggendo ugualmente. Un altro esempio è la Cina: la volevano sottomettere, ma è uscita dal loro controllo. Il Pcc (Partito Comunista Cinese) ha resistito e non è stato annullato. Anche Pechino cerca dunque di proteggere la propria identità. E Putin sta facendo lo stesso fin dall’arrivo al potere nel 1999, quando ha iniziato (ed è riuscito) a rimettere la Russia sulla propria strada: quella della sua identità. In conclusione, è possibile affermare che nel futuro emergeranno sempre più poli a livello mondiale; e dunque i globalisti stanno fallendo e ora sono in agonia.
(Alexandr Dugin, dichiarazioni rilasciate a Jacopo Brogi e Alessandro Fanetti per l’intervista “Il Grande Reset è fallito, è l’ora del Grande Risveglio”, pubblicata su “Come Don Chisciotte” il 27 gennaio 2022. Eminente filosofo, con idee politicamente tradizionaliste, Dugin è considerato un ideologo molto influente, nell’orbita del potere russo).
Fonte: LibreIdee.org

Articoli correlati

Crucioli sbotta contro Draghi in Senato  “Lasci quel posto a qualcuno che può difendere gli interessi degli italiani”

Crucioli sbotta contro Draghi in Senato “Lasci quel posto a qualcuno che può difendere gli interessi…

Si è svolta nella mattinata odierna l’informativa del Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi sugli ulteriori sviluppi…
Draghi e il Covid? Antinfiammatori da asintomatico, ah si?

Draghi e il Covid? Antinfiammatori da asintomatico, ah si?

Il presidente del Consiglio Mario Draghi positivo al covid, continua le sue attività da remoto, come…
Draghi a tutto campo: “Inutile parlare con Putin: la pace vale sacrifici, giusto mandare armi”

Draghi a tutto campo: “Inutile parlare con Putin: la pace vale sacrifici, giusto mandare armi”

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi rilascia la sua prima intervista a un quotidiano da quando il 13 febbraio…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.