• 23 Aprile 2022
  • No Comment

Draghi e il Covid? Antinfiammatori da asintomatico, ah si?

Draghi e il Covid? Antinfiammatori da asintomatico, ah si?

Il presidente del Consiglio Mario Draghi positivo al covid, continua le sue attività da remoto, come ha precisato Palazzo Chigi, perché asintomatico. Come si sta curando? Un mistero, nulla è fin ora trapelato, se non fosse per i consigli arrivati in diretta radiotelevisiva da “Un giorno da pecora”, Rai 1, per bocca di Fabrizio Pregliasco, Direttore Sanitario dell’Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano. “Gli consiglierei di prendere antinfiammatori anche se asintomatico, due volte al giorno”, ha candidamente suggerito il professore “per far si che ci sia la risposta immunitaria”. Poi ha proseguito “non il cortisone come vorrebbero alcuni colleghi, perché va dato in una fase successiva”.
Nulla di strano, apparentemente, in queste parole, per chi conosce e segue la battaglia del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, partita a marzo del 2020, ma se vogliamo analizzare per bene la comunicazione in merito, quello che si evince è una totale negazione e stortura dei fatti. Ebbene, quando i medici del Comitato suggerivano gli antinfiammatori, i protocolli di cura domiciliare ministeriali prevedevano ancora il solo uso della tachipirina e, anzi, inizialmente ci fu chi sconsigliò vivamente l’uso di anti infiammatori, per ragioni ad oggi ancora sconosciute. Ma i medici delle Cure Domiciliari erano dei “millantatori”, abbiamo sentito ripetere. Hanno sempre sostenuto, questi medici, che approcciare immediatamente il Covid fosse fondamentale e che, per impedire la famosa “tempesta citochinica”, ovvero per modulare la risposta eccessiva del sistema immunitario di cui parla Pregliasco, fosse necessario assumere antinfiammatori subito, anche quando asintomatici. Eppure, se cercate online interviste, ospitate televisive, di più di un esperto del settore, c’è stato chi ha continuato a ribadire che questi medici curassero persone che non andavano curate, che sarebbero guarite comunque e che senza sintomi non bisognasse fare assolutamente niente.
Relativamente al famoso protocollo circolato in rete ad un certo punto, presumibilmente utilizzato dalle terapie domiciliari, fu sventolato come carta straccia in diretta tv, definito un insieme assurdo di farmaci, senza spiegare che fosse sì un elenco di farmaci, ma che andavano modulati e scelti a seconda del caso del singolo paziente. Ecco la stortura della realtà, quando si parla di Cure Domiciliari. E, ancora, i famosi studi assenti, quando ad un certo punto è stato tutto un rincorrere a eseguire trial per verificare l’efficacia di antinfiammatori, ma mai mettendo a confronto un campione di pazienti a cui fosse stato somministrato il paracetamolo, dato per mesi e mesi come solo medicinale utile nelle prime fasi della malattia, unitamente alla famosa “vigile attesa”. Ed ecco la negazione, quella di voler sostenere che “vigile attesa” non significasse non fare nulla, senza avere l’onestà intellettuale di ammettere che così invece è stata interpretata da migliaia di medici di base.
La storia non si può riscrivere, gli errori non si possono sempre riparare, ma non ammettere di averli fatti è la cosa in assoluto più grave.
Fonte: Coraggiosamente.it

Articoli correlati

Bollettino Covid: +10% di casi e 580 morti nell’ultima settimana

Bollettino Covid: +10% di casi e 580 morti nell’ultima settimana

Nell'ultima settimana il Covid ha avuto una curva epidemica in crescita: +10% dei casi di positività…
Selvaggia Lucarelli: il Covid uccide la madre e le nega l’ultimo saluto. Ecco il messaggio di conforto del suo compagno Lorenzo Biagiarelli, i cuori di cordoglio dei vip e le risposte degli haters

Selvaggia Lucarelli: il Covid uccide la madre e le nega l’ultimo saluto. Ecco il messaggio di…

La morte di Nadia Agen, la madre “fragile” della giurata di Ballando con […] L'articolo Selvaggia…
Coronavirus Abruzzo: andamento dal 12 al 18 novembre, 14 morti, 5697 positivi e 4907 guariti

Coronavirus Abruzzo: andamento dal 12 al 18 novembre, 14 morti, 5697 positivi e 4907 guariti

Sono 5697 i casi positivi al Covid registrati tra il 12 e il 18 novembre in…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.