• 30 Novembre 2022
  • No Comment

Ambiente: Dovremmo…

Ambiente: Dovremmo…

Questa settimana accadrà qualcosa di importante. Questa settimana, i delegati di oltre 150 paesi dovrebbero incontrarsi in Uruguay per avviare i negoziati per uno storico accordo globale per porre fine all’inquinamento da plastica. 

Ambiente: Dovremmo…

La plastica è uno dei materiali in più rapida crescita e la produzione è in procinto di raddoppiare, fino a superare il miliardo di tonnellate all’anno, entro il 2050. Eppure dovremmo …Vabbè lasciamo perdere il “dovremmo”, tanto ormai è d’obbligo su ogni argomento. Però con ciò, aumenterà l’inquinamento. 

Tanto per dire, a marzo, l’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente (https://www.nature.com/articles/d41586-022-00648-9) ha preso la decisione storica di creare un trattato giuridicamente vincolante che consideri il ciclo di vita della plastica, dalla produzione fino all’imballaggio. Il trattato dovrebbe essere finalizzato entro la fine del 2024. Tra oggi e allora, i negoziatori avranno l’arduo compito di ideare e concordare regole e strategie per controllare l’inquinamento da plastica. Su Nature, (non su imolaoggi eh), l’argomento è affrontato in tre questioni chiave e su come il trattato potrebbe affrontarle. Le riporto. 

La prima: Inquinamento

La plastica rappresenta l’85% di tutti i rifiuti marini. Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) prevede che la quantità di plastica negli oceani quasi triplicherà entro il 2040, aggiungendo da 23 a 37 milioni di tonnellate di rifiuti in più ogni anno.

“La stragrande maggioranza dei rifiuti di plastica mal gestiti che hanno origine sulla terraferma alla fine finisce nei fiumi e viene scaricata negli oceani”. Non lo dico io, lo dice Steve Fletcher, che studia politica ed economia oceanica all’Università di Portsmouth, nel Regno Unito, e lavora con l’UNEP sulle questioni relative alla plastica . Il costo dell’inquinamento da plastica per la società, compresi il risanamento ambientale e il degrado dell’ecosistema, supera i 100 miliardi di dollari all’anno, secondo la filantropica Minderoo Foundation di Perth, in Australia. 

“Il costo dell’indifferenza contro i rifiuti di plastica supera di gran lunga il costo per affrontarla “, afferma Linda Godfrey, scienziata principale presso il Consiglio per la ricerca scientifica e industriale a Pretoria, in Sudafrica. La Godfrey afferma che i negoziatori del trattato dovranno affrontare opinioni contrastanti su come risolvere l’inquinamento: le organizzazioni non governative e i lobbisti spesso vogliono vietare la plastica monouso e trovare alternative più sicure; l’industria della plastica afferma che l’inquinamento può essere risolto migliorando la raccolta dei rifiuti; e le industrie della gestione dei rifiuti e del riciclaggio spingono per un maggiore riciclaggio. 

“Non esiste una soluzione che possa essere fornita su un piatto d’argento”, dice. 

Godfrey spera che il trattato includa tutte queste misure, con gradi diversi da paese a paese. Vietare il movimento dei rifiuti di plastica dai paesi ad alto reddito ai paesi a basso reddito ridurrà anche l’inquinamento, afferma. Godfrey vuole anche che il trattato specifichi che i produttori paghino per la raccolta, lo smistamento e il riciclaggio degli imballaggi in plastica e dei prodotti che realizzano. Ciò distoglierebbe più plastica dalle discariche e allontanerebbe l’onere finanziario della gestione dei rifiuti dai governi locali, che sono generalmente finanziati dalle tasse. Per ridurre la quantità di plastica che finisce negli oceani, il trattato deve includere una scadenza entro la quale i paesi mirano a ridurre la quantità di plastica che usano, afferma Atsuhiko Isobe, oceanografo della Kyushu University di Fukuoka, in Giappone.

Seconda: Raccolta differenziata.

Attualmente solo il 9% dei rifiuti di plastica viene riciclato, anche perché i rifiuti di plastica hanno poco valore. Gli scienziati affermano che se valesse qualcosa, più plastica verrebbe riutilizzata, meno finirebbe nell’ambiente e ci sarebbe anche meno bisogno di nuova plastica, un concetto chiamato economia circolare. Per far ripartire un’economia circolare per la plastica, il miliardario minerario e filantropo australiano Andrew Forrest pensa che i paesi dovrebbero concordare, come parte del trattato, di imporre un sovrapprezzo sulla creazione di polimeri, gli elementi costitutivi della plastica. Questo denaro potrebbe essere utilizzato per finanziare il riciclaggio. Anche i rivenditori che vendono prodotti in plastica dovrebbero essere obbligati a riacquistare i rifiuti di plastica e trovare modi per riutilizzarli, afferma Forrest, che presiede la Minderoo Foundation, che gestisce un’iniziativa per accelerare la creazione di un’economia circolare. Questo costo per i rivenditori verrebbe probabilmente trasferito sui consumatori, ma Forrest ritiene che i consumatori sarebbero disposti a pagare di più per i prodotti se sapessero che ciò ridurrebbe la quantità di plastica nell’ambiente. Un simile approccio aiuterebbe anche a porre fine alla produzione di materie plastiche che non possono essere riutilizzate o riciclate, perché non ci sarebbe nessuno a riacquistarle. Forrest vuole che il trattato stabilisca un tale sistema nei prossimi cinque anni, con i paesi che introducono regolamenti che penalizzano le aziende che inquinano la plastica nell’ambiente. “I principali produttori e distributori di plastica mi hanno tutti ammesso che non danno ai consumatori altra scelta che consumare plastica che non può essere riciclata”, afferma Forrest. “Con la regolamentazione sostenuta da sanzioni, vedrai le aziende cambiare immediatamente le loro abitudini”. Ma Godfrey si chiede se un’economia circolare sia auspicabile, soprattutto perché si sa poco sui rischi per la salute posti dalla plastica che è stata riciclata più volte. “Mentre promuoviamo una maggiore circolarità della plastica, dobbiamo assicurarci di non aumentare il rischio per la salute umana o dell’ecosistema”, afferma.

Terza: Implicazioni sociali e sanitarie

In tutto il mondo, ma soprattutto in Asia, i rifiuti di plastica vengono bruciati. Ciò riduce il volume dei rifiuti e impedisce che diventino terreno fertile per batteri, virus e zanzare. Ma l’incendio è una delle principali cause dell’inquinamento atmosferico, afferma Cressida Bowyer, biologa dell’Università di Portsmouth, che lavora su approcci creativi per affrontare l’inquinamento da plastica. Circa 4,2 milioni di persone sono morte a causa dell’inquinamento atmosferico nel 2016, con il 91% di questi decessi nei paesi a basso e medio reddito. Nelle zone a basso reddito di Nairobi e Sylhet, una città del Bangladesh, la plastica fa parte del paesaggio e rappresenta un notevole pericolo per la salute. “È fisicamente incorporato nel terreno”, rendendo estremamente difficile, se non impossibile, il recupero, afferma Bowyer. Gli studi hanno scoperto che le microplastiche vengono inalate[1] e consumate attraverso cibo e acqua [2]. È stato anche dimostrato che le materie plastiche di dimensioni più piccole, chiamate nanoplastiche, causano danni e infiammazioni nella pelle umana e nelle cellule polmonari. La plastica contiene anche additivi, come bisfenolo A, ftalati e bifenili policlorurati, che sono collegati all’interruzione del sistema endocrino e alle anomalie riproduttive [3][ 4] . “Stiamo appena iniziando a togliere il coperchio dal vaso di Pandora per scoprire quanta plastica – e le sostanze chimiche associate – ci sono in noi”, afferma la neuroscienziata Sarah Dunlop, direttrice di plastica e salute umana presso la Minderoo Foundation. Dunlop afferma che il trattato dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di chiedere ai paesi di vietare o eliminare gradualmente le sostanze chimiche nella plastica che sono note per danneggiare la salute umana. 

Dovremmo fare tutte queste cose. Dovremmo. Ce lo diciamo sempre. Un po’ come quando accade qualcosa e per un po’ di giorni ne parliamo. Come costruire case dove non si deve… Poi niente, tutto torna come prima. 

Fonte: https://www.nature.com/articles/d41586-022-03835-w

Note:

[1]:https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0048969720352050?via%3Dihub

[2]:https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acs.est.0c07384

[3]: https://ehp.niehs.nih.gov/doi/10.1289/ehp.0800517

[4]: https://academic.oup.com/jcem/article/104/4/1259/5158211?login=false

Photo credit: ZINYANGE AUNTONY/AFP/AFP/Getty Images

Articoli correlati

60 e oltre buoni propositi green per il nuovo anno (che non ci stancheremo mai di ripetere)

60 e oltre buoni propositi green per il nuovo anno (che non ci stancheremo mai di…

La società occidentale – inutile nasconderlo – non induce ad uno stile di vita sostenibile. I…
Valanghe di plastica usa e getta nei nostri supermercati: no, le aziende non si stanno impegnando abbastanza

Valanghe di plastica usa e getta nei nostri supermercati: no, le aziende non si stanno impegnando…

La plastica monouso è una delle fonti principali di inquinamento sul nostro Pianeta. La troviamo ancora…
Dalla bustina di zucchero al Ketchup monouso, ecco cosa non troveremo più nei bar e ristoranti

Dalla bustina di zucchero al Ketchup monouso, ecco cosa non troveremo più nei bar e ristoranti

Fare colazione al bar usando lo zucchero in bustina: un’abitudine che hanno tantissimi europei ma a…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.