Coca cola si conferma il marchio più inquinante del pianeta: produce la maggior parte di rifiuti in plastica

Secondo una valutazione del movimento globale Break Free From Plastic, Coca-Cola si conferma come il marchio più inquinante del pianeta per il secondo anno consecutivo.

La famosa società di bibite è infatti responsabile del maggior numero di rifiuti in plastica prodotti nel mondo.

Per stabilirlo, il movimento ha organizzato una pulizia della durata di una giornata in cui 72mila volontari hanno raccolto bottiglie di plastica, borse, bicchieri lungo le spiagge, le strade e i fiumi di 50 Paesi in sei continenti.

Durante la grande operazione di pulizia avvenuta lo scorso settembre, i volontari hanno raccolto ben 11mila oggetti in plastica a marchio Coca-cola, che vince il primo posto nella classifica delle aziende responsabili dell’inquinamento da plastica.

Al secondo e terzo posto troviamo poi Nestlé e PepsiCo, seguite da Mondelēz International – produttore di noti di snack tra cui Oreo e Ritz – Unilever, Mars, P&G, Colgate-Palmolive, Phillip Morris e Perfetti Van Melle.

Più della metà della plastica raccolta era consumata al punto da rendere impossibile l’identificazione del produttore.

“Questo rapporto fornisce ulteriori prove del fatto che le aziende devono urgentemente fare di più per affrontare la crisi dell’inquinamento da plastica che hanno creato. La loro continua dipendenza dagli imballaggi in plastica monouso si traduce nel produrre troppa plastica che finisce nell’ambiente” ha dichiarato Von Hernandez, coordinatore di Break Free From Plastic.

“Riciclare non risolverà il problema. Le 1.800 organizzazioni aderenti all’iniziativa chiedono alle aziende di ridurre urgentemente la loro produzione di plastica monouso e di trovare soluzioni innovative che non creino inquinamento “, ha concluso Hernandez.

Coca-cola sostiene di effettuare investimenti per aumentare il recupero delle sue bottiglie e lattine, nonché per trovare soluzioni per riciclare i rifiuti prodotti evitando che finiscano nell’ambiente o che vengano inceneriti, producendo inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua.

Tra le soluzioni proposte, Coca-Cola ha introdotto l’uso di bottiglie di plastica realizzate con plastica recuperata dai mari e riciclata, e si è impegnata a raccogliere e riciclare l’equivalente di ogni bottiglia venduta.

Secondo le organizzazioni ambientaliste, sostituire la plastica con altri materiali o cercare di riciclare la plastica in modo più efficiente sono soluzioni comunque inefficaci a risolvere l’emergenza dell’inquinamento da plastica e si tratterebbe solo di strategie volte a proteggere un modello commerciale obsoleto, che negli anni non ha fatto altro che peggiorare le condizioni del Pianeta.

 

Fonte: https://www.greenme.it/informarsi/rifiuti-e-riciclaggio/coca-cola-marchio-piu-inquinante/