• 30 Luglio 2021
  • No Comment
  • 27

“Ci vediamo in terapia intensiva” il post choc dell’infermiere contro i No-Vax, via al richiamo disciplinare

“Ci vediamo in terapia intensiva” il post choc dell’infermiere contro i No-Vax, via al richiamo disciplinare

“Disagiati No-vax, quando vi metterò le sonde necessarie lo farò con più piacere”, è bastato un post sui social per far scattare il procedimento disciplinare nei confronti di un infermiere bolognese che sul web ha provocato una donna contraria al vaccino anti-Covid 19.
Uno sfogo, quello dell’uomo, sul proprio account Facebook indirizzato ai più recalcitranti su vaccini e green pass. Una frustrazione che affiora tra le righe dell’invettiva dopo un anno di lavoro a ritmi serrati e convulsi ma che non giustifica le parole dure utilizzate sul social network.
“Lei non si preoccupi – scrive rispondendo a una donna – che quando apriremo di nuovo la terapia intensiva Covid con i tutti i disagiati ‘No vax’ (e purtroppo qualche persona innocente che per seri motivi non poteva vaccinarsi), io sarò lì a mettervi le sonde necessarie alla vostra sopravvivenza- ha scritto l’infermiere che ha poi rincarato la dose- lo farò in modo professionale come sempre, ma forse con un pizzico di sottile piacere in più. Questo perché so che è comunque stata una vostra scelta libera e consapevole. Questo allevierà il mio carico emotivo… e saremo tutti più felici”.
Un post che gli è costato un richiamo disciplinare, molte repliche, offese e minacce da chi si è schierato per difendere la donna attaccata. L’Ausl bolognese, dopo aver fatto rimuovere il post, ha avviato un procedimento. “I cittadini devono capire l’importanza di vaccinarsi contro il Covid, mentre ai colleghi sanitari dico che non devono forzare la mano, ma ascoltare e cercare di risolvere i dubbi degli indecisi”, ha detto il presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche, Pietro Giurdanella, al Resto del Carlino. Anziché attaccare chi ha dei timori e “dividerci in due squadre” riguardo al vaccino, Giurdanella esorta i colleghi a “essere lì accanto e prenderci in carico i loro dubbi e accompagnarli come con chi deve essere operato d’urgenza”.

Articoli correlati

Studio Nature: Israele aumento del 25% di infarti in giovani vaccinati

Studio Nature: Israele aumento del 25% di infarti in giovani vaccinati

E’ di ieri la pubblicazione di uno studio sulla prestigiosa rivista scientifica Nature dal titolo “Aumento degli…
Il vaccino a Rna salva la vita? La sorpresa da uno studio danese

Il vaccino a Rna salva la vita? La sorpresa da uno studio danese

La domanda è ovviamente ironica, ma viene spontanea da questo rapporto del Cdc dal quale sembra quasi che il…
Dalla sottomissione alla guerra: basta non farsi domande

Dalla sottomissione alla guerra: basta non farsi domande

Si comincia in modo semplice: basta non farsi domande. E si finisce per accettare il peggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.