• 10 Gennaio 2022
  • No Comment
  • 29

Casi in calo da 5 giorni e curva invertita: la ricetta del Regno Unito è quella giusta

Casi in calo da 5 giorni e curva invertita: la ricetta del Regno Unito è quella giusta

Scoccerà a molti in Italia quanto sta accadendo nel Regno Unito, dove Boris Johnson ha scelto di non imporre clamorose e discriminatorie restrizioni e ora la strategia sta pagando.
Infatti i contagi sono in discesa da cinque giorni. Ad ammettere la bontà della via inglese ora ci pensa anche Repubblica: “Da qualche giorno a Londra, la prima città colpita duramente da Omicron in Occidente, e tra le meno vaccinate nel Regno Unito, arrivano dati positivi. Anche a livello nazionale i casi sono scesi per il quinto giorno consecutivo. Ieri 141.472, su 1,8 milioni di tamponi, e 97 morti, ben lontani dalla stima di tremila morti al giorno dell’Imperial College di qualche mese fa”.
È il 18,5% in meno rispetto alla settimana scorsa, il calo più sensibile da novembre scorso, prima dell’arrivo di Omicron. Il ministro dell’Istruzione, Nadhim Zahawi, ha detto ieri: “Spero che saremo il primo Paese dei più industrializzati a mostrare al mondo come si passa da pandemia a endemia”. Le scuole rimarranno aperte “senza alcun dubbio – ha aggiunto – e i test antigenici rimarranno gratis per tutti”. Ora il dottor Nick Davies, della London School of Hygiene and Tropical Medicine, sulle stime catastrofiche di qualche settimana fa, ammette: “Non sapevamo che Omicron fosse meno letale di Delta”.
Altro dato importante: nel Regno Unito, il 61,7% della popolazione vaccinabile (dai 12 anni in su) ha già ricevuto la terza dose, senza obbligo vaccinale, né Green Pass. Non solo. C’è un altro dato positivo: “Anche i ricoveri in ospedale a Londra, dove uno su dieci è stimato essere infetto, stanno scendendo. Se fino a metà dicembre crescevano del 60% sulla settimana precedente, ora sono in calo da fine 2021: se il 29 dicembre erano oltre 500 giornalieri ora sono poco più di 300, con 4mila persone attualmente in cura. Mentre in media in Inghilterra stanno crescendo del 57% sulla settimana precedente, perché Omicron si sta spostando in nuove aree”.
Come in Italia, però, anche nel Regno Unito c’è il problema che in alcuni ospedali la situazione è critica a causa di larga parte del personale sanitario fuori per Covid. Ripetiamolo, dunque: gli ospedali sono in affanno per questo e non perché sono sovraccarichi di no vax ricoverati, come molta stampa italiana ha faziosamente scritto. Ultimo dato dal Regno Unito: ci sono attualmente circa 18.454 ricoverati, di cui 868 in terapia intensiva.
Fonte: Il Paragone.it

Articoli correlati

Le dimissioni di Boris Johnson fanno bene alla Borsa

Le dimissioni di Boris Johnson fanno bene alla Borsa

La sterlina britannica ha fatto un salto di quasi mezzo punto percentuale rispetto al dollaro statunitense…
Il Ministero della Salute alle Regioni: “Aumentate i posti letto Covid negli ospedali”

Il Ministero della Salute alle Regioni: “Aumentate i posti letto Covid negli ospedali”

La nuova ondata di coronavirus legata alle sottovarianti e il Ministero della Salute scrive alle Regioni:…
Covid, Bassetti sull’aumento dei contagi: “Una bella fetta d’Italia rischia un nuovo lockdown”

Covid, Bassetti sull’aumento dei contagi: “Una bella fetta d’Italia rischia un nuovo lockdown”

Bassetti ha fatto una riflessione su ciò che potrebbe accadere con l'aumento dei contagi: "Necessario offrire…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.