• 3 Ottobre 2022
  • No Comment

Auto senza airbag e aerei costretti a “limitare le frenate”. Le sanzioni bloccano ricambi e tecnologie, così la Russia torna agli anni ’70

Auto senza airbag e aerei costretti a “limitare le frenate”. Le sanzioni bloccano ricambi e tecnologie, così la Russia torna agli anni ’70

La Russia si sta muovendo verso la “sovranità tecnologica”: così Dmitry Medvedev ha proposto di sostituire il termine “sostituzione delle importazioni”, dopo averlo definito umiliante per il Paese. Ora i funzionari russi dichiarano costantemente la loro aspirazione all’indipendenza tecnologica, ma in realtà, da quando le sanzioni hanno privato la Russia dell’accesso a un ampio spettro di tecnologie moderne, le sfere dei trasporti, della sicurezza, dell’energia, della medicina e dell’informazione non si sono mai riprese. Anzi, non fanno che peggiorare. Il fatto è che negli ultimi decenni le decisioni del governo russo hanno portato a una riduzione dei finanziamenti per scienze e tecnologie, e il numero di ricercatori e sviluppatori nel Paese è notevolmente diminuito: ora la loro quota per mille abitanti, per esempio, è 16 volte inferiore a quella di Cina. Dopo l’inizio della guerra, si è scoperto che il Paese non aveva ingegneri e progettisti, né tecnologie e materiali per sostituire i fornitori stranieri scomparsi.

Avanti nel passato
Già a maggio si è scoperto che il sistema di trasporto russo era prossimo al collasso a causa delle sanzioni. Grandi somme di denaro sono state stanziate dal budget per salvarla, ma la qualità del trasporto è solo peggiorata. Il ministro Vitaly Savelyev ha dovuto affermare che le sanzioni hanno praticamente “rotto tutta la logistica del paese“. Pochi giorni dopo lo scoppio della guerra, l’industria automobilistica in Russia si è fermata a causa della carenza di chip, semiconduttori e pezzi di ricambio. Ai dipendenti è stato ridotto lo stipendio e alcuni sono stati costretti a dimettersi. Visto anche il ritiro delle case automobilistiche straniere dalla Russia, a maggio la produzione di autovetture in Russia aveva praticamente cessato di esistere: è diminuita del 96,7%. A giugno, la più grande casa automobilistica russa AvtoVAZ

Articoli correlati

Il Carnevale 2023 arriva anche ad Acquapendente per una festa dalla lunga tradizione

Il Carnevale 2023 arriva anche ad Acquapendente per una festa dalla lunga tradizione

Dal 12 al 21 febbraio Acquapendente riabbraccia lo storico Carnevale Aquesiano dopo due anni di stop…
Mottarone: arrivano i primi risarcimenti ad Eitan

Mottarone: arrivano i primi risarcimenti ad Eitan

Strage del Mottarone, Reale Mutua ha messo complessivamente a disposizione 8,5 milioni su 10: arrivano i…
Terremoto in Turchia, Vigili del fuoco al lavoro con i cani tra le macerie

Terremoto in Turchia, Vigili del fuoco al lavoro con i cani tra le macerie

Da Pisa sono partiti dei vigili del fuoco cinofili per dare una mano tra le macerie…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.