• 23 Febbraio 2021
  • No Comment
  • 14

Ancona, parte il progetto “Purify&Go” bus che filtrano e puliscono l’aria mentre viaggiano

Ancona, parte il progetto “Purify&Go” bus che filtrano e puliscono l’aria mentre viaggiano

Ad Ancona e Jesi è partito il progetto “Purify&Go” con i primi 4 bus che filtrano e puliscono l’aria mentre viaggiano per la città,  primo progetto in Italia, e secondo in Europa, grazie al quale quattro bus mangia smog e polveri sottili viaggeranno per Ancona e Jesi filtrando l’aria.
Un progetto pilota che si chiama “Purifygo” tradotto “Purifica e Vai”, che punta a ridurre il livello di inquinamento e di polveri sottili presenti nell’aria attraverso degli autobus “mangia smog” che è stato realizzato dalla società di trasporto pubblico Conerobus in collaborazione con l’Università la Sapienza di Roma, Ansaldo Trasporti e Agt Engineering, con il finanziamento della Regione Marche
Questi autobus sono dotati di un sistema filtrante che analizza i livelli di particolato e polveri sottili presenti nell’aria e cattura Pm10 e Pm2.5, purificando l’aria e riducendo l’inquinamento atmosferico, il sistema è capace di filtrare 486 mila litri di aria all’ora, si calcola che alla fine dei primi tre mesi di sperimentazione gli autobus avranno filtrato 4.2 miliardi di litri d’aria, e avranno raccolto importanti informazioni sui diversi livelli di inquinamento nelle aree percorse.
I dati raccolti dai diversi filtri dei vari autobus verranno poi analizzati dall’Università La Sapienza di Roma, Filippo Ugolini, presidente della Agt Engineerin ha spiegato che si procederà anche a sviluppare un sistema di laser a bordo dei bus in modo da rendere possibile il monitoraggio e l’invio immediato dei dati sull’inquinamento rilevato sul campo alla Regione
La sperimentazione è stata presentata a Palazzo Raffaello nel corso di una conferenza stampa e il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha spiegato:

“È una sperimentazione che attuiamo con soddisfazione e orgoglio, perché potrà poi essere declinata e proposta in altre località che mostrano problemi di inquinamento dell’aria. La qualità dell’ambiente è uno degli obiettivi primari da perseguire in Italia e in Europa”

L’assessore ai Trasporti Guido Castelli aggiunge:
“Il progetto coniuga, con un approccio scientifico, il territorio alla sperimentazione. Vogliamo sfatare il mito secondo cui il trasporto pubblico locale inquina. Ad Ancona c’è una tradizione molto spinta per quanto riguarda la mobilità dolce e sostenibile. Abbiamo ritenuto quindi di sperimentare qui questa iniziativa che speriamo possa diventare una buona prassi regionale e nazionale”.
Un progetto innovativo che punta alla mobilità sostenibile e alla sostenibilità ambientale, che punta, dopo una prima fase di sperimentazione ad essere esteso a tutto il territorio regionale.
 
Fonte: Positizie

Articoli correlati

Ancona, colpisce la moglie con un martello: la crede morta e si suicida

Ancona, colpisce la moglie con un martello: la crede morta e si suicida

La vittima, una cinquantenne moldava, è stata salvata dai vicini. È in ospedale ma non rischia…
Ancona, uccise l’ex compagno di scuola: condannato a 20 anni

Ancona, uccise l’ex compagno di scuola: condannato a 20 anni

di Redazione Cronache L’omicidio del dicembre 2020. L’imputato, il 28enne Mattia Rossetti, confessò di aver accoltellato…
Ancona, tangenti in Regione: al geometra pagata la festa di laurea della figlia

Ancona, tangenti in Regione: al geometra pagata la festa di laurea della figlia

di Ferruccio Pinotti Gare d’appalto truccate, rischio idraulico e dissesto idrogeologico dei fiumi e della loro…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.