• 10 Gennaio 2022
  • No Comment
  • 30

Covid, Francesco Vaia: “Il novaxismo si combatte non spaventando, ma chiarendo”

Covid, Francesco Vaia: “Il novaxismo si combatte non spaventando, ma chiarendo”

A Non stop news, in radiovisione su RTL 102.5, con Enrico Galletti, Giusi Legrenzi e Massimo Lonigro interviene Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Istituto per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma che fa il punto sulla pandemia e vaccini.
“L’Italia paese con il più alto tasso di vaccinazione”  “Credo che sia arrivato il momento di fare un po’ di chiarezza, c’è tanta confusione. Il numero dei contagiati inevitabilmente è aumentato fino a 200mila. Nei fine settimana, nei giorni prefestivi e festivi gli italiani si recano di meno sia in ospedale che a fare il tampone. Il primo dato: a fronte di questi contagi, di questo numero così elevato, abbiamo un numero non altrettanto imponente di ricoverati né di ricovero ordinario né in terapia intensiva.
Perché le persone anche se vaccinate con due dosi sono contagiate?
Perché abbiamo visto che il vaccino che è stato ed è ancora uno strumento fondamentale per abbattere questa malattia, ha avuto nell’esperienza sul campo, una validità di quattro-cinque mesi, secondo alcuni colleghi addirittura tre, ecco perché si è resa necessaria la terza dose.
Quando facciamo riferimento a chi è vaccinato o meno, a questo tempo, dobbiamo dire che è vaccinato in terza dose.
Il rapporto tra contagiati e ospedalizzati è, in questo momento: coloro che non sono vaccinati o vaccinati in unica o doppia dose sono il 90%, coloro che hanno la terza dose sono il 10% degli ospedalizzati. Per quanto riguarda la terapia intensiva, il rapporto è 95% (coloro che non sono vaccinati o coloro che hanno unica e doppia dose) e 5% coloro che sono vaccinati in terza dose. Un altro rapporto ancora più chiaro rispetto a cosa avveniva lo scorso anno nello stesso periodo: avevamo 15-18mila contagiati con 2.500 persone in terapia intensiva. Oggi abbiamo 240mila contagiati con 1.500 persone in terapia intensiva. È successo, quindi, che le persone in Italia si sono vaccinate. In Italia è il Paese che nel mondo ha avuto il più alto tasso di vaccinazione. Gli italiani, quindi, per oltre il 90% hanno aderito alla campagna di vaccinazione credendo nella scienza”.
“La patologia virale con la variante Omicron, sta sostituendo quasi completamente la Delta” – “Il vaccino antinfluenzale e vaccino anti-Covid sono possibili da fare nella stessa seduta. Noi non siamo delle macchine, ciascuno di noi ha il proprio fisico. La cosa migliore è sempre chiedere al proprio medico, il mio consiglio è che va bene se ci sono le condizioni di salute, se però si ha qualche problema, se si è spaventati, se si ha un minimo di sintomatologia è opportuno separare di una settimana la somministrazione uno dall’altro. La patologia virale con la variante Omicron, sta sostituendo quasi completamente la Delta. La Delta è ancora presente, è molto più patogena di questa Omicron, la quale è molto più contagiosa. Non lo dico io, né lo Spallanzani, ma tantissimi…”.
“I contatti di positivi, se non sono sintomatici, vadano a lavorare tranquillamente, senza fare quarantena e senza intasare i drive in”  “Trovo difficoltà a districarmi tra le tantissime circolari che ci sono, nonostante sia del campo medico. Bisogna arrivare a due semplificazioni. La prima è che chi è sospetto di contatto con positivo che è stato insieme a una persona che si è dimostrata malata positiva, o magari positivo e non malato, il contatto non ha bisogno che corra a fare il tampone e non c’è bisogno che resti in quarantena. La mia proposta, la proposta dello Spallanzani, è che i contatti di positivi, se non sono sintomatici, vadano a lavorare tranquillamente, senza fare quarantena e senza intasare i drive in. Dobbiamo fare come gli Stati Uniti, dove ti chiedono il motivo per cui fai il tampone…”
“Il novaxismo si combatte non spaventando, ma chiarendo” – “Dobbiamo evitare di fare una comunicazione sbagliata. Il novaxismo si combatte non spaventando, ma chiarendo. Io non dico che se non sei vaccinato devi stare a casa per punizione, non è così, è un atto scientifico. Spero che il Presidente Draghi spieghi bene stasera questa sorta di obbligo vaccinale: non è per punire le persone, ma perché serve. Se io mi sono vaccinato, se sono a contatto con te, qualora mi dovessi contagiare non mi ammalo. La non vaccinazione ti porta a un contagio molto più probabile e a una patologia più sintomatica rispetto agli altri, lo dicono i numeri. Il motivo per il quale dobbiamo correre è proprio questo, dobbiamo correre per recuperare”.
“Quante dosi ancora? Non dobbiamo arrivare a vaccino e cappuccino” – “Non c’è quarta o quinta dose, io ho detto più volte che non dobbiamo arrivare a vaccino e cappuccino, cioè faccio un esempio: se io ho un appartamento che non è a norma dal punto di vista elettrico che faccio? Metto a norma l’appartamento o decido di comprare candele per tuta la vita? Evidentemente metto a norma l’appartamento. Il vaccino, la mia candela che mi consente di vedere la luce, servirà una volta all’anno come per l’influenza. In questi giorni stiamo firmando un memorandum di accordi con i colleghi del Sud Africa per sperimentare e produrre un vaccino italo-sudafricano che servirà per Omicron perché in Sud Africa è stato isolato per prima Omicron. Una buona notizia. Servono i vaccini in Italia ma servono…
“Diamo la FFP2 a scuola, ma intervenire su sistemi areazione” – “Per me è molto semplice: bisogna privilegiare la salute anche mentale dei ragazzi, per cui i ragazzi è giusto che vadano a scuola ed è stato giusto che vadano a scuola. Sono sempre stato a favore dell’apertura di tutto, altrimenti le persone non capiscono più perché ci vacciniamo. Diciamo che il vaccino serve, che ci da spazi di socialità, è giusto che apriamo anche la scuola. Oggi diamo la FFP2 a scuola e va bene perché è un ottimo presidio di salvaguardia, ma è impensabile lasciare i ragazzi sempre con la mascherina, per cui dobbiamo togliergliela. Come fare? Dobbiamo intervenire con degli interventi sul clima, quindi intervenire cambiando radicalmente i sistemi d’areazione. Proprio ieri ho mandato al sindaco di Roma una…
“La fiducia va conquistata” – “Non diamo sempre la colpa ai cittadini e ai genitori, sono stati disorientati. La fiducia va conquistata. Ieri allo Spallanzani c’erano duecento bambini, man mano la cosa sta crescendo. Noi abbiamo detto che quando i bambini stanno male vanno vaccinati, quando hanno un’intensa attività sociale vanno vaccinati, queste cose entrano piano piano, ma se ci sono tante persone che spaventano è evidente che le cose vanno così. In tutto il mondo è così, non solo in Italia, nei confronti delle creature indifese scattano sempre dei meccanismi di protezione. Le famiglie devono essere nostre alleate, ecco perché anche su questo sono stato molto prudente”.
“Il corona-virus quando finirà?” – “Non faccio il divinatore, non lo so. Però dico che questa malattia ha i caratteri della stagionalità e secondo me il picco lo avremo adesso tra fine gennaio e la prima decade di febbraio. Traguardiamo come è successo negli anni scorsi questo tempo, a ottobre faremo il nostro richiamo. Non la quarta dose, ma richiamo. Vorrà dire che sarà diventato come un’influenza”.–

Articoli correlati

Studio Nature: Israele aumento del 25% di infarti in giovani vaccinati

Studio Nature: Israele aumento del 25% di infarti in giovani vaccinati

E’ di ieri la pubblicazione di uno studio sulla prestigiosa rivista scientifica Nature dal titolo “Aumento degli…
Il vaccino a Rna salva la vita? La sorpresa da uno studio danese

Il vaccino a Rna salva la vita? La sorpresa da uno studio danese

La domanda è ovviamente ironica, ma viene spontanea da questo rapporto del Cdc dal quale sembra quasi che il…
Dalla sottomissione alla guerra: basta non farsi domande

Dalla sottomissione alla guerra: basta non farsi domande

Si comincia in modo semplice: basta non farsi domande. E si finisce per accettare il peggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.