Dopo il via libera del governo al nuovo decreto Covid, il ministro Speranza è intervenuto in conferenza stampa per spiegare le nuove misure decise dall’esecutivo.

Si va dall’obbligo delle mascherine Ffp2 in alcune attività all’estensione della platea dei luoghi in cui serve il super green pass. “Il primo articolo prevede una riduzione della vigenza del green pass, le nuove evidenze emerse ci portano a ridurlo a sei mesi – ha spiegato il ministro Speranza – siamo al lavoro per ridurre anche la riduzione della distanza tra seconda e terza dose a quattro mesi”. La decisione su questo punto, sentita Aifa, la comunicazione ufficiale dovrebbe arrivare domani.

Una delle novità più importanti riguarda le mascherine: “Numerosi studi scientifici confermano l’enorme importanza delle mascherine, soprattutto visto che la variante Omicron ha una significativa capacità di aumentare i contagi”. Le mascherine “saranno obbligatorie all’aperto” e in alcune situazioni sarà obbligatoria la Ffp2. C’è anche il divieto di consumare cibi e bevande in alcuni di questi luoghi. “C’è anche un ampliamento del green pass rafforzato – ha continuato Speranza – nelle Rsa l’intenzione del governo è proteggerle e sarà consentito o a persone che avranno fatto anche la terza dose, oppure oltre alle due dosi sarà indispensabile un tampone negativo”.

Il ministro della Salute ha anche annunciato che le discoteche e sale da ballo saranno chiuse fino al 31 gennaio. La decisione è stata presa all’ultimo momento, visto che la misura nella bozza di decreto non era prevista. Così come sono state proibite fino alla stessa data le feste all’aperto. “Il vaccino è e resta l’arma fondamentale, l’invito del governo è di vaccinarsi nel più breve tempo possibile – ha concluso Speranza – Sia per chi deve cominciare il ciclo, sia per chi deve fare la terza dose”.

 

Fonte: .fanpage.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *