Due fidanzati di 25 anni, originari di Molassana e Marassi, hanno deciso di tornare a Genova per vivere una nuova esperienza nella natura. Saranno loro i nuovi gestori del rifugio Antola, nel cuore dell’omonimo parco regionale

Giovedì 16 dicembre sono diventati ufficialmente gestori del rifugio del parco dell’Antola Davide Barbé e Linda Ghigino che, sotto la regia del Club Alpino Italiano (Cai), avranno ora la responsabilità della struttura.

Il rifugio Antola si trova a pochi metri dall’omonima vetta, a 1.460 metri di quota, una destinazione amata da tutti i genovesi appassionati di trekking e natura. La struttura è stata inaugurata il primo luglio 2007 nel cuore della montagna simbolo dell’entroterra ligure.

Un crocevia della mobilità escursionistica dell’appennino genovese, luogo ideale per la costruzione di un rifugio alpino. Il rifugio Antola ogni anno prepara un ricco calendario di attività di educazione ambientale organizzate insieme all’ente parco dell’Antola. Nel rifugio possono soggiornare fino a 32 persone anche per più giorni, che lo rende meta ideale anche di numerose gite scolastiche.

La nuova gestione del rifugio segue il protocollo d’intesa tra il Cai Liguria e l’ente parco dell’Antola, per la concessione decennale in comodato d’uso gratuito della struttura, presentata lo scorso 29 ottobre nel palazzo della Regione. L’iniziativa rientra nel progetto di valorizzazione del territorio “Liguria Preziosa, una dimora naturale”.

I due giovani rifugisti sono pronti ad accogliere chi vorrà salire in Antola a partire dal 26 dicembre sino al 6 gennaio, poi tutti i fine settimana sino a metà aprile, quando il rifugio sarà sempre aperto con l’orario estivo. In questo periodo i servizi di ristorazione e pernottamento sono garantiti solo con prenotazione.

Davide Barbé e Linda Ghigino hanno commentato così questa nuova avventura in una delle strutture più note dell’appennino genovese:

“Fino ad oggi rispondere a chiunque ci chieda cosa facciamo nella vita non è stato semplice, ci siamo conosciuti giovanissimi grazie al fatto di passare l’estate nei dintorni di Torriglia. Si può quindi dire che siamo cresciuti insieme. La nostra storia è stata caratterizzata da esperienze comuni e in solitaria, partendo dalla Liguria e passando da Australia, Indonesia, Borneo, Malawi, Guatemala, Grecia, Costa Rica e Islanda per poi ritrovarci qui di nuovo nelle nostre valli. Dopo la laurea abbiamo deciso di riavvicinarci a casa. Siamo davvero felici di poter essere quassù, abbiamo voglia di metterci in gioco ancora una volta, pronti ad imparare il più possibile, offrendo il nostro miglior servizio a tutti quelli che vivono intorno a queste montagne e a quelli che saranno pronti ad innamorarsene”.

Il vicepresidente di Regione Liguria con delega ai parchi, Alessandro Piana, ha commentato così l’affidamento della struttura a due giovani liguri amanti della loro terra e appassionati di montagna:

“Un potenziamento dei servizi degli Enti Parco con il Cai che mira alla ricerca di una sempre maggiore salvaguardia, valorizzazione e divulgazione, per avvicinarsi alla montagna consapevolmente e saperne apprezzare le peculiarità.

Il Rifugio ritorna a offrire un servizio completo agli escursionisti e a tutti coloro che vogliono visitare l’Antola, la montagna simbolo dell’entroterra ligure, la montagna dei genovesi, uno dei punti nevralgici della mobilità escursionistica”.

Giulio Oliveri, presidente del Parco Regionale dell’Antola, ha spiegato:

“Rifugi come questi sono luoghi naturali di aggregazione, ristoro, presidio di vetta e stazione di posta per l’accoglienza, la formazione e l’informazione naturalistica. Il Rifugio dell’Antola saprà preservare le diverse sfaccettature del genius loci, sempre più importante per chi vuole vivere, in modo autentico, le bellezze naturalistiche della Liguria. Un valore importante considerati i numerosi accessi al Parco dell’Antola e gli eventi in programma lungo tutto l’arco dell’anno”.

Sono già molti gli appuntamenti invernali in programma per questo mese al Parco dell’Antola. Domenica 19 dicembre e domenica 9 gennaio ci saranno le escursioni “Al presepe di Pentema” per vivere l’atmosfera del Natale visitando 40 scene con personaggi a grandezza naturale.

Per tutto il periodo invernale sono in programma escursioni con le ciaspole lungo i dolci pendii panoramici dell’Antola, il parco è presente in piazza De Ferrari al Mercatale sino al 23 dicembre, con una rappresentanza di produttori locali delle valli.

 

Fonte: genovatoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *