Luigi Cavanna, direttore del dipartimento di Oncoematologia dell’ospedale di Piacenza è stato nominato dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, Cavaliere dell’ordine al merito della Repubblica Italiana.

Luigi Cavanna, direttore del dipartimento di Oncoematologia dell’ospedale di Piacenza è stato nominato dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, Cavaliere dell’ordine al merito della Repubblica Italiana. A darne notizia è Amop (associazione piacentina malato oncologico) sulla pagina Facebook: «Luigi Cavanna, è stato fra i primi, all’inizio di marzo 2020, quando la pandemia si stava abbattendo sul territorio piacentino, con una violenza inaspettata, a portare soccorso alle persone malate a casa con l’aiuto del caposala Gabriele Cremona. Per questo la prestigiosa rivista TIME, gli ha dedicato la copertina, poi la CNN, poi TV tedesca, Francese, Norvegese, Siriana sono venute a Piacenza per fare servizi, poi il giornale Le Monde, Repubblica, Corriere, hanno dedicato ampio spazio a tale attività. Nominato poliziotto ad honorem, amico dei consumatori da Codacons, ora riceve la nomina da parte della Presidenza Repubblica di Cavaliere al Merito. Noi tutti e la città di Piacenza possiamo essere orgogliosi e felici di questo!».

Le congratulazioni del sindaco e presidente della Provincia Patrizia Barbieri

“L’onorificenza concessa dal Presidente della Repubblica è un ulteriore, prestigioso riconoscimento al lavoro infaticabile, alla professionalità e alla elevata competenza del professor Luigi Cavanna, cui sono orgogliosa di esprimere le congratulazioni non solo delle istituzioni che rappresento, ma dell’intera comunità piacentina”. Così il sindaco e presidente della Provincia Patrizia Barbieri commenta l’attribuzione del titolo di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’Azienda Usl di Piacenza. “Non potremo mai dimenticare il lavoro infaticabile dei nostri medici e di tutti gli operatori sanitari nel periodo più duro della pandemia, e il professor Cavanna con abnegazione, spirito di servizio e grande professionalità ha sicuramente contribuito nelle fasi più dure dell’emergenza pandemica, dando un apporto fondamentale al sistema di cure domiciliari. Il professor Cavanna ha garantito, con quelle doti di umanità ed etica professionale che i piacentini conoscono così bene, una rete di assistenza che costituisce oggi un elemento consolidato e imprescindibile. Il riconoscimento che gli viene tributato rende omaggio anche a questo difficile percorso, che lo ha visto ancora una volta in prima linea per il bene comune”.

Fonte: Il Piacenza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *