Lunedì presidio di Ucdl davanti al ministero della salute –

Lunedì 6 dicembre, alle ore 12, l’Unione per le Cure, i Diritti e le Libertà ha organizzato un presidio davanti alla sede del Ministero della Salute, per chiedere al Governo una immediata e formale assunzione di impegno per il supporto dei cittadini che hanno sofferto di reazioni avverse a seguito della vaccinazione per la prevenzione del Covid-19.

“Parliamo di migliaia di persone rimaste senza alcun protocollo da seguire, punti di riferimento e con cure, a volte costose, da sostenere autonomamente, non è accettabile”, ha commentato Erich Grimaldi, Presidente di Ucdl e del Comitato Terapia Domiciliare Covid-19, “ci risiamo quindi, come per le mancate cure domiciliari, quello che ha a che fare con il coordinamento e la pianificazione in questa emergenza è tornato a mancare ancora”.

Lo stesso presidente Ucdl, nei giorni scorsi, ha inviato una diffida alla Presidenza della Repubblica, nonché alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero della Salute e al Ministero dell’Economia e delle Finanze, contestando l’omessa previsione di accertamenti diagnostici ante e post vaccinazione, come per esempio il dosaggio del D-Dimero degli anticorpi per scongiurare il fenomeno ADE, nonché per chiedere contezza della tutela prevista per i cittadini vaccinati, che hanno subito problemi di salute dopo la vaccinazione, i quali sono stati per lo più trascurati, se non addirittura abbandonati, dal sistema sanitario, e sono dovuti ricorrere a specialisti e a laboratori privati per potersi curare, con un notevole esborso di spesa.

Inoltre Ucdl ha chiesto la previsione di un fondo adeguato alle cure necessarie per coloro che subiscono reazioni avverse e la previsione del Super Green Pass per i vaccinati cui sono sconsigliate ulteriori dosi in conseguenza di precedenti reazioni. “E’ un gesto di rispetto per coloro che si sono fidati della scienza e che meritano di sentirsi al sicuro rispetto a nuove possibili reazioni avverse”.

 

Fonte: romadailynews.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *