La sospensione, fa sapere il portavoce del Parlamento, riguarda solo alcuni eurodeputati e membri del personale che “avevano presentato ricorso”. Sarà comunque richiesto loro un test negativo per accedere alla struttura.

“Il presidente del Tribunale dell’Unione europea ha deciso di sospendere temporaneamente l’imposizione del Green Pass (COVID, LIVEBLOG) per l’accesso agli edifici del Parlamento europeo”. Lo riferisce l’agenzia di stampa Belga, precisando che “alcuni eurodeputati e il personale del parlamento europeo avevano presentato ricorso contro tale imposizione”.

Sospensione dell’obbligo solo per chi ha fatto ricorso

“La decisione di presentare il certificato resta in vigore per tutti, con eccezione delle persone che hanno presentato ricorso”, che devono presentare un autotest negativo (fatto in presenza) o un test Pcr e “fino a ulteriore decisione del Tribunale” ha poi precisato Jaume Duch, portavoce del Parlamento Ue.  “Siamo sodisfatti del fatto che il tribunale esige da queste persone un test negativo e conferma dunque che senza prova di non contaminazione l’ingresso al Parlamento rimane vietato”, aggiunge Jaume.   La sospensione provvisoria e l’accesso ai locali del Parlamento europeo è concessa ai soggetti richiedenti: 5 eurodeputati e a diversi membri del personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *