Nuova comunicazione dell’Ema sui vaccini. Niente di definitivo, perché l’Agenzia del farmaco ritiene “necessaria un’ulteriore valutazione” dei dati. Però si tratta di una notizia importante dai risvolti ancora tutti da scoprire.

Stando alle “analisi preliminari” di nuove evidenze sugli eventi avversi, pare che il vaccino Moderna possa portare ad un maggior rischio di miocarditi negli uomini giovani “rispetto a una seconda dose” del siero di Pfizer.

Svezia e Danimarca: stop a Moderna

A rivelarlo è la stessa Ema, parlando con l‘Adnkronos Salute. Oggi infatti sia la Svezia che la Danimarca hanno comunicato la decisione di sospendere in via precauzionale la somministrazione di Spikevax (il nome del prodotto di Moderna). Stoccolma l’ha bloccato per gli under 30, Copenhagen per gli under 18. L’agenzia svedese ha parlato di un “aumento delle segnalazioni di effetti collaterali come miocardite e pericardite”, anche se – è bene precisare – si tratta di “un rischio molto basso”.

Le analisi dell’Ema sul vaccino

Fatto sta che le analisi preliminari condotte dall’Ema sui nuovi dati arrivati “da Paesi nordici” sembrano confermare “la possibilità che il rischio di miocardite negli uomini più giovani possa essere maggiore dopo una seconda dose di Spikevax rispetto a una seconda dose di Comirnaty”, ovvero il vaccino di Pfizer/BioNTech. L’Agenzia Ue non ha ancora deciso se sarà necessario aggiornare i consigli attuali nelle informazioni del prodotto, ma la macchina per valutare le nuove evidenze è già in moto. L’obiettivo, dice l’Ema, è continuare a “valutare i dati emergenti su questi prodotti, per garantire che i loro benefici continuino a superare i loro rischi”.

Che i vaccini Comirnaty o Spikevax possano portare a infiammazioni cardiache non è una sorpresa. Il Prac lo aveva già comunicato nel luglio del 2021, precisando che si tratta di “casi molto rari” più spesso “dopo la seconda dose e negli uomini più giovani”. Le due condizioni sono infatti indicate come possibili effetti collaterali nei bugiardini. E gli operatori sanitari sono stati invitati a prestare attenzione quando si eseguono le campagne vaccinali. “Le conclusioni del Prac – dice l’Ema all’Adnkronos – sono supportate da nuove analisi di dati provenienti da Paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia), che mostrano la miocardite si verifica più frequentemente dopo la seconda dose di Comirnaty e Spikevax”. Ma “le analisi preliminari” fanno anche supporre che “il rischio di miocardite negli uomini più giovani possa essere maggiore dopo una seconda dose di Spikevax rispetto a una seconda dose di Comirnaty”.

 

Fonte: nicolaporro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *