Uno studio tutto italiano rivela come il paracetamolo, altresì noto con il nome di Tachipirina, complichi le condizioni dei malati Covid, gli scienziati invitano il Ministero della Salute a rivedere le linee guida per le terapie domiciliari, eliminando l’uso della Tachipirina

Sulla tachipirina arriva un nuovo studio, coordinato da due esperti di Roma e di Pavia e pubblicato sulle colonne del “Journal of Medical Virology”, che ribalta completamente la prospettiva per quanto riguarda il protocollo anti-Covid. La notizia afferma che il paracetamolo incrementa il rischio di ricoveri con polmonite ed esiti infausti, soprattutto tra le persone più anziane.

A sottolinearlo è un gruppo di ricercatori di varie università italiane, coordinati dal neurochirurgo Sergio Pandolfi di Roma e dal professor Giovanni Ricevuti dell’università di Pavia (i due esperti di cui riferivamo poche righe fa): il lavoro condotto conferma che la tachipirina aumenta il rischio di evoluzione negativa del Covid. In particolare,  “l’effetto del paracetamolo è quello di ridurre le scorte di glutatione, una sostanza naturale che agisce come antiossidante. La carenza di questa sostanza può portare a un peggioramento dei danni legati all’infiammazione causata dall’infezione da Coronavirus”.

Ma cos’è il glutatione? Si tratta del più importante degli antiossidanti prodotti dal nostro organismo, imprescindibile nella battaglia ai radicali liberi. Una sorta di barriera naturale indispensabile per stare bene, ma che il virus SARS-CoV-2 tende a impoverire: adesso, si sarebbe scoperto che la tachipirina la annienterebbe del tutto: “L’uso del paracetamolo per trattare a casa i sintomi lievi del virus, in particolare negli anziani con comorbilità, ha notevolmente aumentato il rischio di ricovero per dispnea da polmonite interstiziale – hanno aggiunto i ricercatori –, accrescendo così l’enorme preoccupazione di affollare le unità di terapia intensiva”.

L’uso del paracetamolo per ridurre la febbre è una prassi sicura consigliata da tutti i medici di Medicina generale, ma in presenza di sospetta infezione da Covid sarebbe meglio, secondo i ricercatori, utilizzare altre classi di farmaci, ad esempio antinfiammatori non steroidei, noti anche come FANS.

Questi medicinali sono stati inclusi nell’ultimo aggiornamento delle linee guida per le cure domiciliari, ma il principio attivo della Tachipirina rimane il farmaco elettivo per la cura dei sintomi febbrili e anche l’Aifa si è espressa in passato favorevolmente al suo utilizzo per i pazienti Covid.

Altri due luminari, Piero Sestili e Carmela Fimognari, hanno studiato l’effetto del paracetamolo sul consumo di glutatione, giungendo alle medesime conclusioni di Pandolfi e Ricevuti, così come fatto da una ricerca condotta dall’istituto indiano di tecnologia di Madras: su 102 pazienti trattati con indometacina nessuno ha mostrato desaturazione, al contrario di chi, invece, è stato curato con paracetamolo (20 su 108).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *