Il nuovo Parlamento islandese sarà composto da più donne che uomini, per la prima volta nella storia non solo d’Islanda ma di tutta l’Europa.

Su 63 seggi dell’assemblea nazionale, 30 saranno occupati da uomini e 33 da donne, il 52,3%. Il voto ha riconfermato l’attuale maggioranza della premier Katrin Jakobsdottir ed eletto Lenya Rún Taha Karim, giovanissima deputata di ventuno anni.

L’Islanda si unisce così alla breve lista di paesi in cui le donne sono più numerose degli uomini in parlamento, lista che non include nessun paese in Europa. Secondo i dati della Banca Mondiale, l’unico paese europeo a essersi avvicinato a un risultato simile è la Svezia, con il 47% di donne parlamentari.

Nessun paese in Europa ha invece mai raggiunto o superato il 50%. In Italia, le donne alla Camera rappresentano il 36,31% del totale mentre al Senato le donne sono il 35%.

 

Fonte: greenme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *