È finita a lieto fine, 48 ore dopo, la bruttissima esperienza di Valentina Vignali, la cestista riminese ex gieffina, che fortunatamente ha ritrovato il suo adorato Muffin, un Golden Retriever americano di 9 mesi, color miele, arrivato in famiglia a gennaio scorso.

È stato ritrovato ed è stato riportato a casa, dopo che l’influencer aveva diramato via social un appello per chiedere il sostegno di tutti nella ricerca.

Vignali si trovava alla Fashion Week milanese, ma appena ha saputo che Muffin era stato ritrovato da alcune persone che lo avevano accolto nel loro giardino, ha postato immediatamente un messaggio: «Ho gli occhi che sembrano due fessure per quanto ho pianto e dormito poco nelle ultime 48 ore… però il sorriso parla da sé, e quello non me lo toglierà mai nessuno! Ora corro a Roma ad abbracciare il mio Muffin».

In una stories poi, con Muffin finalmente accanto a lei sul divano, cerca senza alcun risultato di fargli una ramanzina, mettendogli davanti il fatto di averle fatto perdere quindici anni di vita dall’angoscia. Ma non solo: anche di aver fatto preoccupare milioni (dice lei forse eccedendo un po’) di persone.

Ma la brutta esperienza è stata accompagnata da un’altra: nel mentre che il fidanzato si trovava nel pieno delle ricerche del cane, in casa della cestista sono entrati anche i ladri i quali hanno portato via un cospicuo bottino, del quale all’inizio, Vignali pensava facesse parte anche Muffin, preso per chiedere poi un riscatto. Fortunatamente non era così e la storia si è conclusa per il meglio.

Le polemiche per aver acquistato il cane

Sotto al post, infatti, tanti hanno accusato la modella di mandare un messaggio sbagliato ai suoi follower, ovvero che i cani si comprano invece di adottarli. La sua difesa, pur sottolineando di non doversi giustificare, è stata quella di dichiarare che sostiene molte associazioni attraverso diverse donazioni e che tutti i suoi gatti sono stati adottati dalla strada spendendo migliaia di euro di interventi e visite.

Sul cane ha poi spiegato che, lasciando nuovamente un po’ perplessi su tale motivazione, sia lei che il fidanzato intendevano fare questa nuova esperienza, ma volevano farla con una razza ben precisa, ovvero il Golden perché “com’è noto” è un cane tra i più buoni (e anche qui ci sarebbe da farsi delle domande) e che si trova bene con i gatti.

 

Fonte: kodami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *