Leggendo tra gli avvisi pubblici della ASL di Viterbo, pubblicati in data 6-7-2021 e poi di nuovo in data 26-7-2021 abbiamo notato che gli stessi, il primo, il secondo erano identici nel titolo ma non nelle caratteristiche richieste per partecipare.

Nel primo avviso si chiedevano i titoli e colloquio mentre nel secondo avviso/comunicazione a 20 giorni di differenza si chiedeva solo il colloquio senza nemmeno dire la scadenza dello stesso.

Inoltre agli avvisi potevano anche partecipare personale veterinario anche in quiescenza

Subito abbiamo inviato nota aperta al Direttore ASL allegata, dove dichiaravamo le nostre giuste perplessità.

Note dove evidenziavamo che l’avviso doveva essere pubblico ma solo per veterinari disoccupati e certamente non per quelli in quiescenza. Guarda caso, Ultimamente nel mese di giugno 2021 era andato in quiescenza il Direttore del Servizio Veterinario ASL Viterbo.

In data 18-8-2021 del.1821 una commissione ??? visti i soli titoli???? Nominava vincitore il Primario appena andato in pensione, con un incarico di sei mesi per IL CONTROLLO EPIDEMIOLOGICO POST-PANDEMICO SUGLI ANIMALI.

Ascoltati molti Dirigenti Veterinari tutti ci hanno confermato che non esiste al momento una pandemia animale e che il monitoraggio delle epidemie animali e non pandemie è una funzione già presente nel mandato del Servizio Veterinario. Inoltre, la durata limitata a 6 mesi è del tutto incoerente con il presunto obiettivo, a meno che non sia già in conto il rinnovo.

Pertanto, tale incarico è a nostro avviso del tutto ingiustificabile e iniquo e costituisce un costo a danno al sistema sanitario regionale (50 euro ora per 25 ore settimanali per circa 25.500 semestre).

NURSING UP  Il Sindacato degli infermieri italiani

C.I.S.A.S. Confederazione Italiana Sindacati Adetti ai Servizi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *