Variazioni nel ciclo mestruale e nel flusso di sangue dopo la somministrazione del vaccino anti-Coronavirus dovrebbero essere investigati in maniera più approfondita secondo gli immunologi

Un nuovo studio condotto dall’Imperial College di Londra rassicura le donne in età fertile che si sono sottoposte alla vaccinazione anti-Coronavirus e che dopo la somministrazione del siero (al di là del tipo di vaccino) hanno osservato dei cambiamenti nel loro ciclo mestruale: non è il vaccino la causa del cambiamento, quanto piuttosto la risposta immunitaria del corpo, che varia da persona a persona.

Non esiste quindi un legame diretto fra la vaccinazione e squilibri nelle fasi del ciclo mestruale – che possono verificarsi anche dopo aver contratto la malattia (fanno parte della sintomatologia del cosiddetto long Covid). È bene specificarlo, perché il timore infondato di subire modificazioni del ciclo o perdita della fertilità contribuisce a quel clima di disinformazione che rende molte donne restie alla vaccinazione anti-Covid.

L’esitazione di molte giovani donne di fronte al vaccino è largamente dovuta alle false teorie secondo cui il vaccino anti-Coronavirus possa limitare le loro possibilità di concepire bambini in futuro – denunciano gli autori dello studio. – E, purtroppo, i cambiamenti che possono verificarsi nel ciclo mestruale non fanno altro che alimentare queste teorie.

Non è ancora chiaro cosa conduca ai cambiamenti nelle mestruazioni delle donne vaccinate: questi potrebbero essere collegati all’impatto del sistema immunitario, stimolato dal vaccino, sugli ormoni responsabili del ciclo, oppure potrebbero essere causati dalle cellule immunitarie che nello strato interno dell’utero si comportano diversamente. Anche per altri vaccini, come quello contro il papilloma virus (HPV), sono stati osservati simili cambiamenti nel ciclo mestruale – ma in quei casi non sono state svolte adeguate ricerche per comprendere le cause di questi squilibri.

Ciò che è certo è che il vaccino non compromette la capacità di concepire un bambino o di portare avanti una gravidanza per le donne: le variazioni nel ciclo mestruale sono temporanee e passeggere, e non hanno nessun tipo di conseguenza sulla salute. Allo stesso modo, la vaccinazione anti-Coronavirus non rappresenta un rischio neanche per la fertilità degli uomini o per la qualità del loro sperma.

 

Fonte: greenme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *