La corsa alla vaccinazione sfrenata, che oramai è entrata endemicamente nella testa dei nostri governanti, potrebbe non avere senso nell’obiettivo di raggiungere la fatidica “immunità di gregge”.

Gli epidemiologi stanno adeguando le loro aspettative per l’evoluzione della pandemia dopo che i dati di un recente focolaio nel Massachusetts negli Stati Uniti, suggeriscono che mentre la vaccinazione rimane efficace contro le peggiori conseguenze dell’infezione (valutata almeno in 6 mesi), potrebbe non essere sufficiente da sola per fermare la diffusione della variante Delta (studi osservano drastici cali a partire dai 5 mesi).

Focolaio Massachusetts: il 75% era vaccinato

I test condotti tra i residenti del Massachusetts durante un’epidemia a Provincetown dal 3 al 17 luglio, hanno rilevato che il 75% delle persone infette era completamente vaccinato, in uno Stato in cui il 69% degli adulti era completamente vaccinato. Siamo a conoscenza che tra i vaccinati infetti, la difficoltà di rilevare il virus nel tratto nasofaringeo (il valore di soglia del ciclo “prc” dei tamponi), è quasi identica a quella osservata nei non vaccinati. Questa scoperta suggerisce che entrambi i gruppi hanno la stessa carica virale e hanno la stessa probabilità di trasmettere le loro infezioni. (fonte CDC: Centers for Disease Control and Prevention). I risultati supportano quindi le affermazioni secondo cui le persone vaccinate stanno svolgendo un ruolo attivo nell’ondata estiva delle infezioni da variante Delta, motivo per cui hanno portato il CDC a ripristinare la sua raccomandazione che le persone vaccinate indossino maschere al chiuso.

In seguito ai risultati sullo studio di Provincetown, Jeffrey Shaman, un epidemiologo della Columbia University, ha dichiarato: “In un certo senso, la vaccinazione ora riguarda la protezione personale, proteggersi da malattie gravi. L’immunità di gregge non è rilevante in quanto stiamo assistendo a numerose prove di infezioni ripetute e rivoluzionarie”. Il direttore del CDC, Rochelle Walensky, ha dichiarato in una nota: “Questa scoperta è preoccupante ed è stato un fattore che ha portato alla raccomandazione aggiornata della maschera da parte del CDC, la variante Delta è almeno due volte più contagiosa del virus SARS-Cov2 originale” ha affermato.

Delle 346 persone vaccinate che sono risultate positive nell’epidemia di Provincetown, il 79% era sintomatico e il test del genoma del campione ha suggerito che il 90% aveva la variante Delta.
Il vaccino continua a offrire una buona protezione contro le malattie gravi. Attualmente ci sono circa 35.000 infezioni sintomatiche a settimana tra 162 milioni di americani vaccinati, afferma la presentazione di diapositive del CDC, di cui (nella settimana del 19-26 luglio), un numero pari a 6239 ricoveri ospedalieri e 1263 decessi tra i completamente vaccinati, un tasso di mortalità dello 0,0008%. Per tale motivo il CDC deve chiarire che l’efficacia del vaccino contro l’infezione è inferiore, deve “riconoscere che la guerra è cambiata”.

5 motivi che rendono l’immunità impossibile

Gli esperti del Regno Unito prevedono che nuove varianti eluderanno i vaccini.
Nel Regno Unito il comitato consultivo di esperti SAGE (una sorta di CTS nostrano), ha previsto che le nuove varianti alla fine supereranno i vaccini esistenti (fonte). Nel documento si indica: “poiché l’eradicazione di SARS-CoV-2 sarà improbabile, abbiamo molta fiducia nell’affermare che ci saranno sempre varianti… Una variante che portava una malattia più grave con mortalità come SARS-CoV (10%) o MERS-CoV (~ 35%) era una “possibilità realistica”, così come una variante che trova un serbatoio animale e poi torna a colpire gli umani in una forma evoluta resistente al vaccino. Un forte cambiamento antigenico che cambia la proteina spike sul virus, abbastanza da eludere i vaccini attuali è anche una possibilità realistica” ha detto il SAGE (Scientific Advisory Group for Emergencies).

Una deriva antigenica più lenta che “alla fine porta all’attuale fallimento del vaccino” è “quasi certa”, ha avvertito il SAGE. Nel frattempo la principale speranza per la fine della pandemia, che il virus rimanga altamente trasmissibile, ma diventi meno dannoso, “come i coronavirus umani che causano il raffreddore comune”, è stata valutata come una possibilità realistica a lungo termine, ma improbabile a breve termine”.

Cinque motivi per cui l’immunità di gregge Covid-19 è probabilmente impossibile:

1. Vaccini NON sterilizzanti non prevengono la trasmissione. La chiave per l’immunità di gregge è che, anche se una persona viene infettata, ci sono troppo pochi ospiti sensibili in giro per mantenere la trasmissione: coloro che sono stati vaccinati o hanno già avuto l’infezione non possono contrarre e diffondere il virus. I vaccini Covid-19 sviluppati da Moderna e Pfizer-BioNTech, ad esempio, se sono estremamente efficaci nel prevenire le malattie sintomatiche, non sono garanzia di proteggere le persone dall’infezione o dalla diffusione del virus. Ciò pone un problema per l’immunità di gregge.

2. Distribuzione del vaccino non uniforme. La velocità e la distribuzione dei vaccini sono importanti per vari motivi, afferma Matt Ferrari, epidemiologo presso il Center for Infectious Disease Dynamics della Pennsylvania State University. Una campagna globale perfettamente coordinata avrebbe potuto spazzare via Covid-19, dice, almeno in teoria. “È una cosa tecnicamente fattibile, ma in realtà è molto improbabile che la raggiungeremo su scala globale”, afferma. Ci sono enormi variazioni nell’efficienza del lancio dei vaccini tra i paesi (vedi “Disparità nella distribuzione”) e anche all’interno di essi.

3. Nuove varianti cambiano l’equazione immunità di gregge. Anche se risolvessimo le difficoltà dei piani di lancio dei vaccini (nei termini della distribuzione e nell’assegnazione), stanno nascendo nuove varianti di SARS-CoV-2 che potrebbero essere più trasmissibili e resistenti ai vaccini. “Siamo in corsa con le nuove varianti”, afferma Sara Del Valle, epidemiologa matematica e computazionale presso il Los Alamos National Laboratory nel New Mexico. “Più tempo ci vuole per arginare la trasmissione del virus, più tempo hanno queste varianti per emergere e diffondersi”, dice. C’è un altro problema da affrontare mentre l’immunità cresce in una popolazione, afferma Ferrari. “Tassi di immunità più elevati possono creare una pressione selettiva, che favorirebbe varianti in grado di infettare le persone che sono state immunizzate”.

4. L’immunità potrebbe non durare per sempre. Come abbiamo visto nella precedente analisi che rimandiamo, i calcoli per l’immunità di gregge considerano due fonti di immunità individuale: i vaccini e l’infezione naturale, con diverse durate.

5. I vaccini potrebbero cambiare il comportamento umano. Gli interventi non farmaceutici continueranno a svolgere un ruolo cruciale nel contenere i casi, afferma Del Valle. Il punto è interrompere il percorso di trasmissione, dice, e limitare il contatto sociale e continuare a comportamenti protettivi come l’uso delle mascherine può aiutare a ridurre la diffusione di nuove varianti mentre i vaccini si stanno diffondendo.

Conclusioni

“Porre fine alla trasmissione del virus è un modo per tornare alla normalità, come lo è curare i malati per prevenire malattie gravi.. Inoltre dato ciò che si sa finora sul Covid-19, raggiungere l’immunità di gregge attraverso i soli vaccini sarà piuttosto improbabile”, afferma Stefan Flasche, epidemiologo dei vaccini presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine.

È tempo di aspettative più realistiche. Il vaccino è “uno sviluppo sorprendente”, ma è improbabile che fermi la diffusione, quindi dobbiamo pensare a come possiamo convivere con il virus, afferma Flasche. Anche senza l’immunità di gregge, la capacità di vaccinare le persone vulnerabili sembra ridurre i ricoveri e i decessi per la Covid-19; per tale motivo conviene concentrare tutti gli sforzi e le risorse alla salvaguardia e protezione di tale popolazione, lasciando circolare il virus e farlo diventare endemico in tutti gli altri considerando l’impatto sulla letalità in individui sani dell’ordine dello ZERO VIRGOLA, come tutti i dati raccolti dimostrano.

Fonte: Nicola Porro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *