Il passaparola avvenuto attraverso social e Telegram

Il popolo dei “no vax” e del no al Green pass torna oggi in piazza in tutta Italia. Sono circa 120 le città dove questo pomeriggio sono state indette manifestazioni.

Anche in questo caso il “passaparola” è avvenuto attraverso i social network e Telegram, il servizio di messaggistica dove sono attivi molti canali della galassia antivax finiti anche all’attenzione anche di alcune procure. Nel gruppo “Basta dittatura”, che conta oltre 42 mila contatti, è riportato l’elenco delle piazze dove sono in programma sit-in tra cui Roma, Milano, Torino, Firenze, Genova, Napoli e Palermo. “Ogni sabato ad oltranza – è detto nella chat – finché la dittatura non sarà distrutta”. Manifestazioni “senza nessun partito dietro” e organizzate “dal popolo”, si afferma nel canale Telegram.

ROMA – È in corso a Piazza del Popolo la manifestazione del Popolo no vax. Secondo quanto si apprende da fonti di polizia sono circa 400 le persone che hanno aderito all’iniziativa. In piazza anche un gruppo di una trentina di aderenti a Forza Nuova.

MILANO – I no green pass da piazza Duomo si stanno spostando in corteo verso piazza della Scala. ‘No green pass’ e ‘Umani non sorci’ sono due degli striscioni che aprono il corteo partecipato mentre scandiscono slogan del tipo ‘Siamo il popolo’, ‘Giù le mani dai bambini’ e ‘Draghi vaffanculo’, ma anche ‘Milano non si piega’ e ‘Libera l’università’. “Questo è il popolo civile che scende per le strade per difendere i diritti costituzionali” spiegano invitando a una nuova manifestazione sabato prossimo in piazza Duomo “con due presidenti di Cassazione”. I manifestanti hanno scandito slogan anche contro il sindaco Giuseppe Sala passando davanti a Palazzo Marino. “Milano non si piega”, “Vaccino=crimine di Stato” sono alcuni dei cartelli che hanno con loro mentre sfilano per il centro della città gridando “Noi siamo il popolo sovrano”, “Resistenza Resistenza” e altri.

TORINO – Tensione al corteo ‘No green pass’ che come ogni sabato, da alcune settimane, si sta muovendo per le vie del centro di Torino. Anziché muoversi verso via Po, i manifestanti – un migliaio circa – hanno svoltato in via Accademia delle Scienze, dove sono volati alcuni calci e spintoni all’indirizzo delle forze dell’ordine presenti, che non hanno potuto impedire l’ingresso del corteo nella via, ora fermo all’entrata di piazza Carlo Alberto, dove sono presenti i reparti mobili della polizia. “Libertà libertà”, è uno degli slogan dei manifestanti.

 

Fonte: ansa

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *