Un grande progetto che realizza il sogno di Elvia, animalista storica che sta per Elvia Viglino, originaria dell’Emilia Romagna, aveva 84 anni quando nel 2018 ci ha lasciato.

Era arrivata nella città dei Papi per amore di quello che sarebbe diventato il suo sposo, ma il suo amore più forte e reso pubblico è stato quello per i nostri amici a quattro zampe. Per molti anni è stata responsabile dell’Enpa provinciale, poi ha militato in altre associazioni, legando il suo nome all’impegno sino alla fine dei suoi giorni a favore del canile comunale di Bagnaia, di cui si è presa cura per decenni.

L’ultima battaglia da lei condotta riguardava l’apertura del «parco canile», sempre a Bagnaia che non ha potuto vedere realizzato.

Grazie a Paola Viglino, figlia di Elvia, e a tutti i volontari che credono in questo progetto, il Canile di Bagnaia sta camminando verso traguardi importanti.

Infatti quella di sabato 18 settembre 2021, sarà una giornata speciale per le adozioni al Canile di Bagnaia grazie alla lodevole iniziativa promossa dai calciatori della US Viterbese1908 che, per la seconda volta, sono i testimonial di una occasione importante per i cani ospitati in questa struttura, pronti a fare l’incontro con lo sguardo interessato e amorevole di un nuovo padrone.

Con l’occasione vogliamo ricordare che l’inverno sta arrivando e perché non portare a casa un Amico peloso per sempre?

Per sempre significa che sarà un pezzo del vostro cuore un pezzo della famiglia. Per sempre Amore ❤🐕‍🦺

A ricevere tutti coloro che raccoglieranno l’invito, che auspichiamo siano numerosi, ci sarà Paola Viglino, Presidente dell’Associazione Amici Animali onlus che gestisce il rifugio, e tutti gli operatori che quotidianamente ci lavorano con un impegno speciale, consapevoli di essere anche riferimenti affettivi per i tanti pelosi che li salutano ogni giorno scodinzolando e abbaiando.

I canili dovrebbero essere solo un luogo temporaneo, inteso come tempo breve, che garantisca sicurezza e cure eventualmente necessarie, ma in realtà si è progressivamente trasformato in un luogo di detenzione e sofferenza troppo spesso sine die.

Il Canile Comunale di Bagnaia sembra essere in qualche modo un’eccezione perché al benessere animale coniuga una apertura al tessuto sociale, facilitando e incentivando la frequentazione delle persone e il loro benefico contatto con gli animali.

Queste sono le condizioni che creano maggiori possibilità di adozioni, ma favoriscono anche la prevenzione dell’abbandono.

Visitare un canile è il modo migliore, non solo per vivere un’esperienza importante, ma anche per rendersi conto di quello che non può essere descritto e raccontato con la stessa efficacia di un contatto diretto.

Si tratta di una emozione che resta esclusiva e che solo queste amabili creature ci possono donare.

Marco Simonelli

Riccardo Daga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *