A tradire la 50enne è stata la voglia di mostrare sui social la nuova vita. L’Inps ha aperto un’indagine e ora rischia il licenziamento

Da un anno e mezzo la capostazione del gruppo Atac non si presentava al lavoro perché in malattia. La donna infatti continuava a spedire certificati medici mentre in realtà si trovava nell’arcipelago spagnolo a gestire la sua seconda attività: un bed and breakfast a Puerto Rico, nel sud di Gran Canaria.

Da ormai diciotto mesi circa la donna incassava l’assegno mensile spedito dall’azienda di trasporti romana, a cui ha iniziato a darsi malata poco prima dell’inizio del lockdown, a febbraio 2020. A mettere in scacco matto la donna sono stati però i social, a cui non ha saputo resistere. Con un post su Facebook la capostazione ha ostentato la nuova vita inserendo nella didascalia anche il link del bed and breakfast. “Voglia di sole e relax? What else? Che altro? Contattaci per informazioni” ha scritto sotto la foto di una casa vacanze.

A riportare la vicenda è Il Messaggero che sottolinea come la Direzione del Personale abbia avviato un’indagine interna mentre l’Inps ha dichiarato come i certificati ricevuti non fossero originali ma solo copie. E’ partita così la prima azione disciplinare per “atti non conformi” a cui è seguita una contestazione per doppio lavoro, vietato dal regolamento aziendale. Nell’articolo si ricorda poi come Atac incassi ogni anno oltre mezzo miliardo di euro dal Comune, a cui ora si aggiungono anche i ristori dell’emergenza Covid.

 

Fonte: .tgcom24.mediaset

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *