Il criminologo parla dei furbetti del siero “miracoloso”. “Da una certa sfera sociale in su somministrati falsi vaccini”. Solo il “popolino” deve fare da cavia a sieri genici che non determinano alcun beneficio, come in Israele e Uk, ma ad oggi migliaia di decessi e circa un milione di effetti avversi gravi

“Da una certa sfera sociale in su, i vaccini somministrati erano falsi vaccini”. Lo ha affermato lo psichiatra e criminologo Alessandro Meluzzi, noto opinionista tv, sul canale “100 giorni da Leone”, facendo intendere che sono state iniettate dosi di soluzioni fisiologiche al posto dei sieri in commercio inoculati a milioni di persone.

Il professionista ha anche giurato che la soluzione fisiologica “l’hanno proposta anche a me”, ma ha poi rifiutato per poter “combattere” a testa alta e non rinchiuso come “i sorci”.

Una dichiarazione choc che farà discutere. Quella “sfera in su” cui si riferisce il criminologo è certamente riconducibile a persone che occupano nel paese ruoli politici e istituzionali di alto rango che oggi magari sostengono appieno la campagna terroristica vaccinale propagandata dai media mainstream; campagna che finora non ha prodotto alcun beneficio (vedi Regno Unito e Israele), ma ha anzi determinato nell’Unione europea migliaia di decessi e quasi due milioni di reazioni avverse, di cui il 50% ritenuti gravi, secondo dati ufficiali dell’Ue. Dati enormemente sottostimati, dal momento che non tutti gli effetti collaterali o i decessi sospetti vengono segnalati all’Ema o all’Aifa in quanto, in modo sbrigativo e superficiale, viene escluso il nesso causale.

Ciò che quindi si sospettava dallo scorso dicembre, ossia che c’era il rischio che il vaccino sperimentale venisse iniettato solo al “popolino” e non ai “furbetti” di alto rango, tra istituzioni, sanitari, politici e altri, trova una conferma davvero inquietante, secondo le affermazioni di Meluzzi.

In sostanza a questa “sfera” di privilegiati è stato inoculato il “placebo” (acqua), la stessa soluzione che viene utilizzata nelle sperimentazioni di farmaci nei gruppi prescelti e che viene in gergo definita in “doppio cieco” (i volontari non sanno se hanno ricevuto il vero farmaco o l’acqua, ndr).

Fosse come afferma il professor Meluzzi, questa pratica è di una gravità inaudita, con rilievi penali, poiché queste “alte sfere” sapevano di ricevere il placebo con la certezza di scampare a eventuali potenziali effetti avversi.

Ma ancor più grave è che queste fasce privilegiate senza aver provato sulla propria pelle il vaccino sperimentale vadano in Tv a rassicurare i cittadini che il vaccino è “sicuro ed efficace”, perché loro lo hanno fatto (fittiziamente), approvando così l’adozione del discriminante Green pass di cui sono certamente in possesso. Roba su cui la magistratura dovrebbe indagare a fondo e ad ad ampio raggio.

 

Fonte: .secondopianonews.

2 thoughts on “Meluzzi choc: “Politici e istituzioni vaccinati col placebo. Lo han proposto anche a me””
  1. Anche i magistrati hanno ricevuti queste dose perciò lo sanno benissimo è non possono indagare perché hanno anche ricevuto somme per non parlare di questo ne sono molto convinto perciò non ci saranno vere indagini

  2. ho avuto da subito tale certezza. Ed i destinatari di tali placebo sono anche tutte le fasce imprenditoriali con relativi famigliari, i giornalisti e relativi famigliari amici , parenti….medici, e chi più ne ha più ne metta di categorie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *