L’allarme è scattato giovedì mattina, ora locale, quando il furgone ha invaso il marciapiede nei pressi del Campidoglio, di fronte a Cannon House Office Building e nelle vicinanze di diversi altri edifici governativi statunitensi. L’uomo ha minacciato di farsi esplodere davanti al Congresso con il suo furgone.

Paura a Washington DC dove un uomo ha minacciato di farsi esplodere davanti al Parlamento con il suo furgone fermo in strada nel quale avrebbe dell’esplosivo, secondo quanto ha riferito lui stesso agli agenti. L’allarme è scattato giovedì mattina, ora locale, quando il furgone ha invaso il marciapiede nei pressi del Campidoglio, di fronte a Cannon House Office Building e nelle vicinanze di diversi altri edifici governativi statunitensi. Sul posto sono confluite numerose unità di polizia locali e federali e i soccorsi medici e l’area è stata completamente circondata. Diversi edifici governativi sono stati evacuati, anche se in questi giorni il Parlamento Usa è in ferie, e l’area dichiarata off limits. La polizia del Campidoglio in un tweet l’ha definita “un’operazione per la minaccia di una bomba”.

Sul posto sono accorse anche le forze speciali con cecchini piazzati sugli edifici ma per ora si procede con la negoziazione per arrivare a una “risoluzione pacifica”. I negoziatori delle forze dell’ordine infatti stanno lavorando per entrare in contatto con la persona nel veicolo e capire cosa vuole. Il sospetto ha detto agli agenti di avere una bomba e i poliziotti che si sono potuti avvicinare  hanno riferito che in mano aveva quello che sembrava essere un detonatore.

Le autorità stanno anche indagando su un video pubblicato su Facebook che si presume sia stato pubblicato dall’uomo a bordo del veicolo. I funzionari di polizia del Campidoglio affermano di conoscere il nome dell’uomo, ma non hanno rivelato la sua identità. Secondo alcun media locale si tratterebbe di Floyd Roy Rosberry, un 49enne del North Carolina che stava trasmettendo su facebook prima che il suo account fosse rimosso .

 

Fonte: fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *