Approvato in via definitiva e recepito anche dalle scuole del comprensorio viterbese il testo del Protocollo di sicurezza relativo all’anno scolastico 2021/22 , finalizzato anche al miglioramento dei parametri relativi al dimensionamento scolastico e alla numerosità degli allievi per classe.

Nel Protocollo viene specificata la necessità di assicurare la pulizia giornaliera e l’igienizzazione periodica di tutti gli ambienti della scuola, predisponendo un crono programma ben definito, da documentare attraverso un registro regolarmente aggiornato.

Nel piano di pulizia occorrerà  includere obbligatoriamente gli ambienti di lavoro e le aule, le palestre, le aree comuni, l’area mensa, i servizi igienici e gli spogliatoi, le attrezzature e i laboratori usati dagli studenti, il materiale didattico-ludico, pulsantiere maniglie e passamano.

Le operazioni di pulizia dovranno seguire una periodicità quotidiana e riportate in apposito registro.

Il materiale da utilizzare dovrà essere detergente, con azione virucida, come previsto dal Rapporto ISS COVID-19, n. 12/2021.

Dovrà essere garantita la adeguata aerazione di tutti i locali, mantenendo costantemente aperti gli infissi esterni dei servizi igienici. Si specifica che questi ultimi dovranno essere sottoposti a pulizia almeno due/tre volte al giorno, eventualmente anche con immissione di liquidi a potere virucida negli scarichi fognari delle toilette.

Dovranno essere sottoposti a regolare detergenza le superfici e gli oggetti (inclusi giocattoli, attrezzi da palestra e laboratorio, utensili vari,) destinati all’uso degli alunni. È richiesta particolare attenzione alle modalità di sanificazione degli ambienti della scuola dell’Infanzia.

Secondo quanto previsto dal protocollo di sicurezza, va ridotto ai casi di assoluta eccezionalità l’accesso dei visitatori a scuola.

Nel protocollo viene specificato che per visitatori e genitori ai quali eccezionalmente verrà concesso l’ingresso nelle scuole, per gravi e documentati motivi, non verrà richiesto, a differenza del personale scolastico, di esibire il Green pass.

Ciascuna istituzione scolastica dovrà, sentiti, l’RSPP d’istituto e il medico competente, elaborare un regolamento che dovrà ispirarsi dei criteri di massima inderogabili.

Sarà obbligatoria la puntuale registrazione dei visitatori ammessi, con indicazione, per ciascuno di essi, dei dati anagrafici (nome, cognome, data di nascita, luogo di residenza), dei relativi recapiti telefonici, nonché della data di accesso e del tempo di permanenza nell’istituto scolastico.

Sarà obbligatoria la differenziazione dei percorsi interni e dei punti d’ingresso e di uscita dalla struttura.

Come sarà obbligatoria la predisposizione di adeguata segnaletica orizzontale sul distanziamento necessario e sui percorsi da effettuare all’interno degli istituti scolastici.

Sarà consentito l’accesso alla struttura attraverso l’accompagnamento da parte di un solo genitore o di persona maggiorenne delegata dai genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale, nel rispetto delle regole generali di prevenzione dal contagio, incluso l’uso della mascherina durante tutta la permanenza all’interno della struttura.

Ogni istituzione scolastica dovrà procedere alla individuazione del Referente COVID d’Istituto come previsto dal rapporto ISS COVID-19 n. 58/2020, recante “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia”.

Inoltre nel Protocollo viene specificato che le istituzioni scolastiche, con opportuna segnaletica e con una campagna di sensibilizzazione e informazione, comunicheranno alla comunità scolastica le regole da rispettare per evitare assembramenti. Nel caso di file per l’entrata e l’uscita dall’edificio scolastico, occorre provvedere alla loro ordinata regolamentazione al fine di garantire l’osservanza delle norme sul distanziamento sociale.

Ogni scuola dovrà disciplinare le modalità che regolano tali momenti, in modo da integrare il regolamento d’istituto, con l’eventuale previsione d’ingressi e uscite a orari scaglionati, anche utilizzando accessi alternativi.

Il rientro a scuola del personale e degli studenti già risultati positivi all’infezione da COVID-19, certificato dall’autorità sanitaria, dovrà essere preceduto da una preventiva comunicazione avente a oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *