Il coordinatore del Comitato tecnico-scientifico Franco Locatelli lo ha detto senza tanti giri di parole: “Ritengo sia necessario vaccinare anche i più piccoli”.

Entrando così a gamba tesa su una polemica che si trascina ormai da mesi e che vede schierate due fazioni contrapposte. Da un lato i tifosi della dittatura sanitaria che già da tempo invocano somministrazioni anche per gli under, dall’altro un mondo scientifico che continua a sollevare dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza dei farmaci per i ragazzi. Con tanto di studi provenienti da oltre i confini tutt’altro che rassicuranti.

Il coordinatore del Comitato tecnico-scientifico Franco Locatelli lo ha detto senza tanti giri di parole: “Ritengo sia necessario vaccinare anche i più piccoli”. Entrando così a gamba tesa su una polemica che si trascina ormai da mesi e che vede schierate due fazioni contrapposte. Da un lato i tifosi della dittatura sanitaria che già da tempo invocano somministrazioni anche per gli under, dall’altro un mondo scientifico che continua a sollevare dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza dei farmaci per i ragazzi. Con tanto di studi provenienti da oltre i confini tutt’altro che rassicuranti.

Stando allo studio, durante il periodo della vaccinazione di massa della popolazione il numero medio mensile di casi di miocarditi o pericarditi era salito a 27,3, rispetto al 16,9 precedente. L’analisi, firmata dall’infettivologo George A. Diaz, sottolinea come stiamo probabilmente “sottostimando gli eventi avversi legati ai vaccini”. E non lascia certo tranquilli posizioni come quella del presidente della società italiana di cardiologia interventistica Alfredo Marchese, che ha cercato di riportare la calma parlando di “semplice eccesso di risposta infiammatoria in seguito allo stimolo vaccinale”.

Sempre gli studi americani sottolineano infatti come “la miocardite associata al Covid-19 può avere un decorso benigno a breve termine nei bambini, ma rimangono sconosciuti i rischi a lungo termine”. Mentre dalle nostre parti si continua a invocare la vaccinazione di massa dei più giovani, insomma, all’estero ci fanno notare come i pericoli ci sono, e al momento non ne conosciamo la reale portata. Appelli che rischiano ancora una volta di finire ignorati dal governo della dittatura sanitaria, già passato ai ricatti nei confronti dei suoi cittadini sotto forma di green pass.

 

Fonte: ilparagone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *