Cosa non ha funzionato nella medicina territoriale? Perché i medici, che hanno operato sul campo non sono stati ascoltati?

” Piazza piena ieri sera a Cesenatico, dove circa duemila persone si sono riunite per poter ascoltare l’avvocato Erich Grimaldi, presidente e fondatore di UCDL, nonché medici, professionisti sanitari e cittadini guariti dal Covid grazie al supporto del gruppo di terapia domiciliare precoce, per la quinta Conferenza Territoriale per le Cure Domiciliari.

La cura del malato in scienza e coscienza, assistenza, volontariato, vicinanza e ascolto, sono stati i temi cardine della serata. Grimaldi ha illustrato cosa non ha funzionato nella medicina territoriale durante l’emergenza Covid-19 e chiesto nuovamente perché i medici che hanno lavorato sul campo non siano stati ascoltati dal Governo, nonostante il voto del Senato dell’8 aprile ne abbia fatto espressa richiesta. Tale coinvolgimento ed un’adeguata terapia domiciliare precoce, accanto alla prevenzione, avrebbero evitato uno strumento come il Green pass, che rischia di dividere le persone anziché unirle, deterrente utilizzato dalle istituzioni in assenza di una comunicazione trasparente e fluida. UCDL, al riguardo, ha diffidato istituzioni e parti coinvolte nel decreto eccependo la violazione del regolamento UE 953/2021. La prossima conferenza territoriale è prevista per il 12 agosto, ore 20.30 a Treviso, in piazza dei Signori.”

Il presidente Erich Grimaldi
La Portavoce Valentina Rigano

Comitato Cura Domiciliare Covid-19
Unione per le Cure i Diritti e le Libertà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *