Si tratta di una treccia di 40 cm inviata all’associazione Banca dei Capelli di Acquaviva delle Fonti

Un bel gesto di solidarietà che arriva direttamente dal buon cuore dei più piccoli: G. P., 9 anni di Brindisi, ha voluto tagliare i suoi lunghi capelli biondi, confezionandoli in una traccia lunga 40 cm da spedire all’Associazione Banca dei Capelli (ente no profit) di Acquaviva delle Fonti (BA). Alla domanda “perché vuoi tagliare i capelli?”, la piccola ha risposto: “A me i capelli crescono… Ma ci sono persone sfortunate a cui non crescono quindi li doniamo”.

L’Associazione pugliese Banca dei Capelli, nota in tutta Italia e all’estero, promuove un’iniziativa che vuole rappresentare un approccio alle patologie neoplastiche in termini globali comprendendo la cura del paziente nella sua totalità. E così, attivando la risorsa della solidarietà, attraverso il progetto “Contro il cancro mettici la testa” si mette a disposizione dei pazienti oncologici, che ne facciano richiesta, parrucche organiche e inorganiche. È proprio vero quando si dice che gli adulti dovrebbero imparare di più dai bambini.

 

Fonte: .lagazzettadelmezzogiorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *