Queste immagini le vedrete sui media mainstream? Crediamo proprio di no, ecco perché è importante la massima condivisione. Non importa chi le ha messe prima o dopo, è necessario e doveroso per chi ama Cuba, e quello che rappresenta, divulgarle.

Solo così è possibile sfondare anche il muro di gomma dell’informazione ufficiale.

Intanto, migliaia di cittadini cubani hanno dato un’altra lezione agli Usa e ai loro servi occidentali e, dalla prime luci dell’alba di questo sabato, si sono radunate nel centro dell’Avana per manifestare in difesa della Rivoluzione e contro il blocco economico illegale imposto da Washington.

“Non permetteremo a nessuno di venire a manipolarci, ecco un popolo intelligente e dignitoso”, hanno affermato diversi partecipanti alla manifestazione sul Malecón dell’Avana.

La corrispondente di teleSUR a Cuba, Fabiola López, ha riferito nel suo account sul social network Twitter che “non è ancora l’alba e si può già vedere il lungomare dell’Avana. Nei dintorni dell’emblematico Hotel Nacional sono concentrati centinaia di patrioti in difesa della Rivoluzione “.

“‘Non permetteremo a nessuno di venire a manipolarci, ecco un popolo intelligente e dignitoso’, dicono questi patrioti che all’alba appaiono sul lungomare dell’Avana”, ha detto la giornalista in un altro tweet.

 

“Metteremo i nostri cuori a Cuba, insieme possiamo, perché Cuba è amore, pace e solidarietà”, ha successivamente affermato il presidente cubano Miguel Díaz-Canel, davanti alla folla, insieme al generale dell’esercito Raúl Castro, e altri leader del Partito e Governo

Díaz-Canel ha denunciato gli atti di guerra non convenzionale commessi contro Cuba per promuovere vandalismo, sabotaggio e molestie, con la complicità di potentissimi alleati e migliaia di dollari.

Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba ha respinto quelle azioni odiose, ricordando che “spaccano la famiglia, gli amici, la società e minacciano di portare molti dei nostri valori nell’angolo dell’inutile”.

A questo proposito, il Presidente della Repubblica ha assicurato che ciò che il mondo vede oggi da Cuba è una menzogna; L’imperialismo cerca di mettere a tacere qualsiasi informazione sulla vera realtà del nostro paese e le false immagini proliferano al culmine della menzogna, ha ribadito.

Díaz-Canel ha evidenziato i risultati della scienza cubana, con il primo vaccino latinoamericano contro COVID-19 Abdala, che ha un’efficacia dimostrata al 100% contro malattie gravi e morte, e il candidato al vaccino Sovrano 02, e ha ricordato l’eredità del comandante Capo, Fidel Castro, in momenti difficili come questo che sta vivendo il Paese.

Rivolgendosi ai presenti, il presidente ha fatto appello all’unità e ha respinto le false notizie sui fatti dell’isola, condannando l’odio che si è generato sui social network, soprattutto da parte degli esuli cubani che vivono in Florida.

In particolare, Díaz-Canel ha criticato che gli algoritmi delle piattaforme digitali come Facebook effettuano un “bombardamento” della popolazione con “immagini di violenza, sangue, proteste, urla, atti vandalici, minacce, molestie e repressione”.

Allo stesso tempo, il presidente ha sostenuto che l’ondata di disordini che si è verificata sull’isola nei giorni scorsi è stata il risultato di “un tentativo di operazione di comunicazione politica”, accusando i circoli politici di Washington e della Florida dei suoi finanziamenti.

“In quei giorni hanno compiuto atti di guerra non convenzionale che includevano appelli all’epidemia sociale, violenza, aggressione contro agenti di polizia, vandalismo e sabotaggio. Hanno usato sistemi di intelligenza artificiale e ‘big data’, cybertropi e atti di violenza. cyberterrorismo per promuovere fabbricazione di armi  artigianali e uso di armi o elementi incendiari, azioni integrate di molestia, ricatto o finanziamento di leader digitali o ‘influencer’ internazionali “, ha lamentato, condannando gli attacchi che le pagine ufficiali cubane su Internet e da molti media nazionali.

“Siamo sotto il fuoco sofisticato di una guerra informatica, che include il terrorismo informatico e il terrorismo mediatico nella sua strumentazione aggressiva”, ha aggiunto.

“Le denunce del ministro degli Esteri cubano di martedì scorso non hanno avuto risposta. Non c’è stato alcun tentativo di risposta da parte delle autorità del governo repubblicano della Florida in merito ai fondi stanziati per questi progetti che cercano di attaccare il Paese e allo stesso tempo di disarmarlo dei suoi possibili mezzi di difesa”, ha proseguito il presidente.

“Cuba è di tutti”

Nel denunciare le violenze, Díaz-Canel ha affermato che “Cuba appartiene a tutti” .

“La Rivoluzione cubana ha cancellato per sempre i semi del male, dell’odio, del disonore e della criminalità. È quindi importante cercare le cause profonde della violenza che spinge ad emergere di fronte ai bisogni e adempiamo al lavoro in sospeso per farla prevalere nell’eredità cubana, il gene dei figli coraggiosi, onesti, giusti, onorevoli, felici di questa terra cubana”, ha concluso Díaz-Canel.

Durante la cerimonia, a nome dei giovani, Aylín Álvarez, secondo segretario del Comitato nazionale dell’Unione dei giovani comunisti, ha affermato che la soluzione ai problemi dei cubani non potrà mai essere nelle mani di altri; “Il popolo rivoluzionario cubano non crede nei falsi aiuti umanitari che implicano interferenze straniere”, ha chiarito.

In questo senso, ha evidenziato il lavoro dei giovani cubani nell’affrontare la pandemia che ha colpito la più grande delle Antille per più di 16 mesi, e ha chiesto loro di continuare a lavorare in pace, con armonia e unità per costruire tempi migliori.

E con le sue parole, Gerardo Hernández, Eroe della Repubblica di Cuba e Coordinatore Nazionale dei Comitati per la Difesa della Rivoluzione, ha condannato i tentativi di minare l’unità dei cubani, “e così distruggere la pace con cui abbiamo sempre vissuto, quello che ci identifica ovunque nel mondo”.

Dopo questo atto all’Avana, decine di città in tutto il Paese si preparano ad ospitare analoghe manifestazioni di unità e sostegno del popolo alla Rivoluzione, nel rigoroso rispetto delle misure igienico-sanitarie, a causa della situazione epidemiologica.

I Giovani ratificano il loro sostegno alla Rivoluzione

Il secondo segretario dell’Unione dei giovani comunisti, Aylín Álvarez, ha definito sinistro il piano che vuole porre fine al progetto nazionale.

Sulla spianata di La Piragua, sul lungomare di questa capitale, Álvarez ha condannato gli odi e gli interessi meschini che cercano di trasformare le strade in scene di violenza, distruzione e morte, e togliere pace e solidarietà ai cittadini.

Il leader ha assicurato che di fronte all’aggressività e ai tentativi di ingerenza, menzogne ??e doppi standard, i cubani difenderanno la loro sovranità.

‘Non siamo ingenui, né siamo stupidi; Non è possibile concepire di volere un bene per Cuba e allo stesso tempo cercare di soffocarlo’, ha sottolineato.

Ha denunciato il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti per quasi sei decenni, considerato il principale ostacolo allo sviluppo del territorio insulare.

Álvarez ha evidenziato che sarà possibile avanzare solo se si lavora in pace per l’armonia e l’unità, e ha sottolineato l’importanza di mantenere il dialogo e il rispetto.

“I principi non saranno mai negoziati” e “in questi sforzi per salvare la Patria possono contare sui giovani”, ha detto.

 

Fonte: lantidiplomatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *